Amicizie virtuali

Nell’era di Facebook, Gianfranco Gallo dedica una commedia al tema dell’amicizia. “Non solo, parliamo anche di diversità, del rifiuto dell’altro, del rapporto tra Nord e Sud”, spiega l’autore che porta in scena Felici in circostanze misteriose, da venerdì 18 al teatro Cilea di Napoli.

Nei panni di Francesco riceve nella sua casa milanese gli amici d’infanzia, venuti apposta per preparargli una festa a sorpresa. Lui sta con un trans (Ciro Esposito) e all’improvviso arrivano l’amico del cuore, Ugolino (Massimiliano Gallo) “una sorta di Forrest Gump, particolarmente legato a lui”. L’affermato chirurgo che vive a Parigi (Patrizio Rispo), la zia Patrizia (Rosaria De Cicco), che si scoprirà essere la vecchia balia. La fidanzata Maria (Martina Liberti).

I personaggi “tutti protagonisti” interagiscono in una sorta di reality show. “Il testo affronta il modo di vivere di oggi in varie forme, toccando diversi sentimenti. Anche il salernitano, per esempio, è già un settentrionale per un napoletano è facile, dunque, parlare di differenza”.

Promette colpi di scena, l’autore-regista. “La commedia sembra finire ogni venti minuti, – chiarisce – ma poi ricomincia con nuove situazioni e il pubblico si troverà a interpretare le nostre azioni, chiedendosi se quel che vede è vero o è recitato”.

Il gran finale spiega tutto e mostra il protagonista rimasto solo in casa, con il fedele computer sul quale scopre di avere cinquemila amici. “Sono virtuali, però. Internet sostituisce il mondo reale. – conclude Gianfranco Gallo – Questa che dovrebbe essere l’era della Rete, del contatto, della conoscenza universale, in realtà è un’epoca in cui si ha maggiormente la possibilità di ripiegare su se stessi, grazie a un pc installato in casa, a una tv monotematica, e a tutto quello che ancora verrà a costruire libertà fittizia”.

Le musiche originali sono composte da Iennà Romano (leader di Letti Sfatti) e assecondano la trama.

Share