Autoritratto di due sedicenni di Napoli

Autoritratto di due sedicenni di Napoli

Agostino Ferrente dopo il successo di l’Orchestra di Piazza Vittorio del 2006 e Le cose belle del 2013 si è impegnato in una nuova opera, Selfie, girata a Napoli nel Rione Traiano.

Si tratta di un docufilm molto originale e forse unico dal punto di vista filmico e tecnico, girato quasi con un unico piano sequenza senza controcampo.

La scelta del regista di dare ai due attori principali, Pietro Orlando e Alessandro Antonelli, il compito di effettuare le riprese con un semplice smartphone, crea un linguaggio, che a prima vista potrebbe sembrare ingenuo e semplicistico, ma che a un esame attento appare molto professionale. La regia, amalgamando il montaggio e la colonna sonora, rende la pellicola molto fluida ed efficace. Il film è riuscito a conservare quel verismo sincero e spontaneo grazie anche all’ottima interpretazione dei protagonisti, che hanno interpretato semplicemente se stessi, raccontando la propria quotidianità, usando il proprio linguaggio gergale, che è stato recepito immediatamente dal pubblico.

Lo spunto per il docufilm è stata la tragica uccisione, forse accidentale, nel 2014 di un ragazzo di sedici anni, David Bifolco, da parte di un carabiniere che non era all’altezza del compito che doveva svolgere e che in modo preconcetto ha scambiato tre ragazzi di quartiere per tre spacciatori.

Lo Stato come al solito non riesce, in un quartiere abbandonato a se stesso, a distinguere il bene dal male e anche se ha condannato a 4 anni e 4 mesi il carabiniere, successivamente in appello ha ridotto la pena a 2 anni con sospensione della pena. Lo Stato in questo modo assolve se stesso per la propria incapacità di essere presente nelle periferie ad alto tasso di disoccupazione e di conseguente criminalità.

Dal film traspare una tragica rassegnazione degli abitanti del Rione Traiano che sono consapevoli di essere lasciati soli. Solo in alcune persone vi è ancora la speranza di “andare via” ma senza sapere “dove”. Un autoritratto di due sedicenni di Napoli, senza luoghi comuni e con tanta umanità. Bravi tutti.

Presentato con grande successo a Berlino, dal 30 maggio 2019 è nei cinema italiani.

Da vedere.

Giancarlo Giacci

 

 

 

“Selfie”, i protagonisti

SELFIE

Scritto e diretto da Agostino Ferrente

Cast: Pietro Orlando , Alessandro Antonelli

Durata 76’

Crediti:

Montaggio: Letizia Caudullo, Chiara Russo

Musiche: Andrea Pesce, Cristiano Defabriitis

Produzione: Marc Berdugo,Barbara Conforti/ Francia Italia

Distribuzione: Istituto Luce Cinecittà

 

 

Share