Col Bianconiglio in giro per Giffoni

Col Bianconiglio in giro per Giffoni

Dal 19 al 27 luglio si svolgerà il GIFFONI STREET FEST 2019 Il festival itinerante, diffuso e gratuito per le strade di Giffoni Valle Piana. Oltre 200 iniziative, 50 artisti, 30 laboratori, esibizioni con musica, colori e teatro open space, secondo il tema di quest’anno: Aria.

L’inaugurazione è affidata a Il draaago del Teatro dei Venti di Modena, una sfida tra un cavaliere e l’animale fantastico tornato protagonista delle fantasie di tutti grazie alla serie tv Il trono di Spade.

Lo #StreetFest2019 propone spettacoli per tutti: l’apertura delle serate all’arena del Giardino degli Aranci è con Matthias Martelli, che porta in scena Il primo miracolo di Gesù Bambino, da Mistero Buffo di Dario Fo. Una tra le giullarate più famose vede la regia di Eugenio Allegri e la coproduzione del prestigioso Teatro Stabile di Torino e Teatro della Caduta. Nata dalla collaborazione con il Teatro delle Albe, arriva a Giffoni la produzione internazionale Thioro – Cappuccetto rosso senegalese di Accademia Perduta che, con Romagna Teatri, porta in scena anche la fiaba avventurosa Chi ha paura di Denti di ferro?. Ed anche Fiesta del Teatro Due mondi, Il grande gioco di Teatro Pirata e Mattia e il Nonno, tratto dal libro di Roberto Piumini, di Factory Compagnia Transadriatica che, con delicatezza, affronta il tema del distacco. Conclude la programmazione del Giardino degli Aranci una due-giorni con i grandi Musical, a cura dell’Accademia Caracciolo. La collaborazione territoriale con l’Anspi, Associazione Nazionale San Paolo Italia per il progetto radiofonico On air, dedica un focus dedicato alla figura di Leonardo da Vinci, nei 500 anni dalla morte.

Tra gli artisti che si avvicenderanno tra le strade di Giffoni, la Compagnia Creme & Brulè con la prima regionale Viaggio al Centro della Luna, spettacolo di fuoco e teatro di figura, ispirato alle visioni di Jules Verne e Georges Méliès. Anteprima nazionale con La giostra Carosello: nuova creazione che La Baracca dei Buffoni dedica al sogno e alla fantasia. Ancora una presenza unica nel suo ‘genere’: la marionettista Francesca Zoccarato, che ha scelto un ‘mestiere artistico’ non comune per una donna, si esibisce in Varietà Prestige. Tornano, dopo quasi 5 anni, I Nipoti di Bernardone con lo spettacolo Hope hope hoplà e l’amore da incubo di Jack e Sally della Compagnia MORKS.

Per il secondo anno consecutivo allo StreetFest, arrivano i Mirabella e la loro arte circense a dimensione ‘familiare’ e il sosia ufficiale di Mister Bean, Arnaldo Mangini. Si aggiungono i Molino Rosekranz, Damiano Massaccesi e le sue romanticherie, la sconclusionata ed esibizionista orchestra acustica e itinerante The Tammaros, le incursioni degli Eccentrici Dadarò e lo spettacolo ciclo-comico di Madame Rebinè. Spazio alla magia e al trasformismo con gli spettacoli comico-poetici di Luca Lombardo, Poubelle, e le esibizioni di Mago Pablo, Mago Lupis e Mago Veramente. Questi ultimi intratterranno il pubblico del festival sia con spettacoli a postazione fissa che itineranti, per le strade di Giffoni, con esibizioni di “Street magic”. A chiudere le serate, gruppi busker che allieteranno il pubblico con ritmi gipsy, folk e country. Un nome fra tutti: Keet & More, band country/folk.

Due spettacoli chiudono l’edizione 2019 del Giffoni Street Fest. Nell’ultima produzione della Mabò Band, Mabò of colors, tre clown-musicisti proiettano il pubblico in un vortice di emozioni colorate. Nasi da clown, in forma di piccoli e grandi palloncini, inonderanno le piazze di mille colori. A seguire, la Compagnia La deliranza con più performance di Where is Alice?, liberamente ispirato al romanzo “Alice nel paese delle meraviglie” di Lewis Carroll. Guidato dal Bianconiglio sempre in ritardo, il pubblico viaggerà alla scoperta del fantastico mondo dell’arte di strada.

 

Share