Eduardo arriva a Boston

Una scena (foto di Fabio Esposito)

Una scena (foto di Fabio Esposito)

Ha ottenuto cinque nomination alle Maschere del teatro italiano. Le voci di dentro di Eduardo De Filippo, diretto e interpretato da Toni Servillo debutta al Chicago Shakespeare Theater dove, dal 25 al 29 giugno, rappresenterà l’Italia in occasione dell’Anno della Cultura italiana negli Stati Uniti promosso dal Ministero degli Affari Esteri. Prodotto dal Piccolo Teatro di Milano, Teatro di Roma e Teatri Uniti, lo spettacolo concorre al prestigioso Premio come migliore spettacolo di prosa, migliore regia, migliore attore protagonista, migliore attore non protagonista (Peppe Servillo) e migliore attrice non protagonista (Chiara Baffi).

Chicago è la prima tappa di una lunga tournée internazionale che toccherà in seguito importanti festival in Spagna come Temporada Alta a Girona e il Festival de Otono en Primavera a Madrid e luoghi leggendari della scena europea come il Maly Teatr a San Pietroburgo e la MC93 Bobigny a Parigi.

A Toni Servillo, che torna in palcoscenico per la seconda volta negli States, quattro anni dopo il successo di Trilogia della villeggiatura di Carlo Goldoni, al Lincoln Center di New York nel luglio 2009, è stato dedicato anche un prestigioso omaggio dal vivo il 23 giugno nell’ambito del 49° Chicago International Film Festival.

Le voci di dentro, reduce dall’anteprima a Marsiglia, Capitale Europea della Cultura, e dagli oltre due mesi di tutto esaurito con lunghe liste d’attesa a Milano e a Roma, è un affresco corrosivo della nostra società, in cui l’odio e l’invidia sono i convitati di una cena che si consuma ogni giorno tra ipocrisia e corruzione morale. Toni Servillo-Alberto Saporito è affiancato in scena da Peppe Servillo-Carlo Saporito, fratello anche nella finzione teatrale. Con loro, una folta compagnia di attori di diverse generazioni, (sono Betti Pedrazzi, Chiara Baffi, Marcello Romolo, Lucia Mandarini, Gigio Morra, Antonello Cossia, Vincenzo Nemolato, Marianna Robustelli, Daghi Rondanini, Rocco Giordano, Maria Angela Robustelli, Francesco Paglino).

 

Share