Five senses in hotel

Five senses in hotel

Ritorna a Napoli, il 21, 22 e 23 dicembre, nelle lussuose stanze del Grand Hotel Parker’s, il fortunato format ideato da Mario Gelardi e Claudio Finelli, Do not disturb – Il teatro si fa in albergo, nella nuova versione dedicata ai cinque sensi.

La formula è sempre la stessa: venti spettatori, come intrusi, ogni sera penetrano nell’intimità di tre coppie, ascoltando, quasi spiando, i personaggi, poco prima che lascino la stanza. Tre episodi, della durata di circa venti minuti ciascuno, animeranno le camere, rendendo visibile quello che in genere accade solo a porte chiuse.

Nella stanza dell’udito, scritta e diretta da Mario Gelardi e interpretata da Irene Grasso e Fernanda Pinto, appare una donna chiusa in una stanza al buio: ha un unico incontro con la cameriera dell’albergo. A lei si confessa, apparentemente sono due estranee. Ma così come il buio non permette alle due donne di guardarsi in faccia, così custodisce un segreto su cui piano piano calerà la luce.

Nella stanza della vista, scritta da Claudio Finelli e diretta da Gelardi, Alessandro Palladino e Roberto Caccioppoli sono una giovane coppia che comunica solo attraverso la tecnologia. Anche se sono insieme, nello stesso luogo, in pochi metri quadrati, i sentimenti non riescono a incontrarsi, a vedersi, a toccardi. C’è una barriera percettiva che si frappone tra loro: lo smartphone.

Scritta da Alessandro Palladino, la stanza del tatto vede in scena Irene Grasso, Gennaro Maresca e Fabio Rossi. La vicenda vede protagonisti due fratelli di ritorno a Napoli per incontrare una vecchia amica. Nel corso dell’incontro, in camera, prende il via un gioco di ruolo, un continuo rincorrersi tra gioco surreale e sentimenti reali. Un girotondo di furbizia e a colpi di di ribaltamenti di vita.

Il costo del biglietto è di 12 euro, info e prenotazioni al 3396666426 oppure info@nuovoteatrosanita.it.

 

Share