Il Carosone di Scarpetta

Il Carosone di Scarpetta

Nella prima serata di Rai 1 del 18 marzo 2021 è andato in onda “Carosello Carosone”, un film dedicato alla vita e alla carriera di Renato Carosone, artista napoletano e italiano tra i più famosi di sempre. La pellicola, diretta da Lucio Pellegrini, è poi stata subito messa nel catalogo on demand di Raiplay.

Quando si vede un’opera dedicata a un personaggio realmente esistito, e a maggior ragione quando è tanto amato e ricordato come Carosone, l’attenzione principale non può che ricadere sull’attore chiamato a interpretarlo: Eduardo Scarpetta è bravissimo nel ruolo dell’autore di “Tu vuo’ fa’ l’americano”, e si dimostra il protagonista ideale per tratteggiare una biografia atipica, la storia serena di un uomo partito da poco e arrivato a dominare le classifiche musicali internazionali senza gli eccessi e le sofferenze che in genere caratterizzano questo tipo di narrazioni.

Certo Scarpetta (trisnipote del celebre drammaturgo, figlio del compianto Mario e dell’attrice Maria Basile) non è il solo del cast a distinguersi in positivo: Vincenzo Nemolato fa un lavoro strepitoso nell’interpretare Gegè Di Giacomo, batterista e intimo amico di Carosone, che con la sua verve comica era una delle ragioni del grande successo del sestetto musicale. E Nemolato fa davvero il Di Giacomo di Scarpetta, portando sulle sue spalle i momenti più propriamente comici del film, gli unici in cui non è il protagonista ad essere al centro della scena.

Il film, oltre ad avere molte buone interpretazioni, è in generale ben fatto, non facendo della sua natura televisiva un motivo di scarsa qualità, anzi. La produzione, della Rai ovviamente, ma anche di Groenlandia, casa produttrice capitanata da Matteo Rovere e Sidney Sibilia, è di alto livello, e si avvale del lavoro di buoni professionisti in ogni settore, creando un film che fa del rigore forse la sua cifra fondamentale. La sceneggiatura di Meacci e Serafini è equilibrata e fine, la fotografia e il montaggio, rispettivamente di Bassano e Cristiani, sono ottimi e praticamente esenti da sbavature. Una nota d’eccellenza è nelle musiche curate da Stefano Bollani, che in un film di questo tipo sono naturalmente fondamentali.

“Carosello Carosone” è un film che rende omaggio a un genio della musica napoletana e mondiale, senza scadere mai nell’agiografia, ma trovando un suo equilibrio, intervallando momenti ludici di grande intrattenimento a una narrazione più lineare.

 

                                                                                                                                       Angelo Matteo          

Share