Insostenibile solitudine checoviana

Insostenibile solitudine checoviana

Va in scena al Teatro Sannazaro di Napoli dal 29 novembre a domenica 1 dicembre 2019, lo spettacolo Platonov, da Anton Checov, riscritto da Marco Lorenzi (che lo dirige) e Lorenzo De Iacovo.

Sul palco Michele Sinisi, Stefano Braschi, Roberta Calia, Yuri D’Agostino, Barbara Mazzi, Stefania Medri, Raffaele Musella, Giorgio Tedesco e Angelo Maria Tronca. Lo spettacolo è una finestra aperta su un Cechov quasi sconosciuto, un testo giovanile ritrovato casualmente. Incompleto e popolato da numerosi personaggi, in cerca d’amore e certezze, numerosi argomenti e tematiche, moltissima azione.

L’azione si svolge nella tenuta di Anna Petrovna caduta in disgrazia. In una calda estate trascorrono le vuote serate tra fiumi di vodka una serie di personaggi tra cui il maestro elementare Platonov, conteso tra la moglie Sasha, la stessa padrona di casa e la giovane Sofja.

Della combriccola fanno anche parte Sergej Pavlovic Vojnjcev, figliastro di Anna e artista teatrale,  il ricco Porfirij, il figlio Kirill, giovane medico scriteriato e, infine, Sasha, moglie tradita di Platonov.

“Uno spettacolo tragicamente comico nel quale si trovano i prodomi del Cechov più compiuto.  Un impietoso ritratto della società russa di fine Ottocento, incarnata perfettamente dal protagonista, antieroe per antonomasia, goffo e cinico dongiovanni di provincia. È il fallimento dell’utopia del suo giovane autore che vuole raccontare la vita cogliendone appieno i più̀ profondi meccanismi. Il suo sforzo s’infrange contro la vita stessa e l’impossibilità di coglierla nella sua interezza in un dramma teatrale”.

 

Share