Juta a Montevergine

Eugenio Bennato

Eugenio Bennato

S’inaugura sabato 7 settembre la quindicesima edizione della storica Juta a Montevergine, la festa che, tra sacro e profano, da circa ottocento anni apre e chiude il ciclo campano dedicato alle “sette Madonne”. Una ricorrenza che affonda le radici nei riti precristiani legati al culto della Madre Terra e volti a propiziare un buon raccolto. Sono stati promossi gemellaggi, scambi culturali, eventi per diffonderne lo spirito e la storia.

La manifestazione di Ospedaletto è diretta da Eugenio Bennato e si apre alle ore 17,00 in Piazza Demanio. Si inizia con l’accoglienza della sacra icona, segue la processione con la fiaccolata e la celebrazione eucaristica. Naturalmente, gli organizzatori hanno aderito al messaggio di pace lanciato da Papa Francesco. La celebrazione ha un fitto programma: giovedì 12, giorno del raduno e pellegrinaggio al Santuario di Montevergine, dalle ore 8, i partecipanti uniscono le loro voci e il loro cammino nel nome della pace, a quello della Siria. “Di grande rilievo l’iniziativa che la gioventù di Ospedaletto d’Alpinolo, cogliendo l’invito di sua Santità, ha desiderato attivare cogliendo l’imminente ricorrenza della salita a Montevergine dei fedeli ed associando ad essa una marcia per la pace”, sottolinea l’assessore alla Cultura Giovanni Santaniello. Per l’occasione si apriranno le botteghe artigianali locali, corsi di tammorra e di danza popolare.

Domenica 8, dopo i momenti gastronomici, alle ore 13.30 è previsto l’incontro conviviale con Antonio Giusso, che spiegherà le preziose tradizioni; dalle ore 18.30, nel cortile del Palazzo municipale avrà luogo “Ospedaletto per la poesia”, reading di poesie edite e inedite lette dagli autori e dai partecipanti. Alle ore 21.30 si terrà la manifestazione ideata e condotta da Gianni Simioli “Permetti un ballo?”, che coinvolgerà tutto il pubblico.

Lunedì 9 , alle ore 18, Adorazione eucaristica e Catechesi di un Padre Benedettino nella Chiesa madre S.S. Filippo e Giacomo. E ancora tanti gli eventi e escursioni naturalistiche.

 

 

Share