Là Bas – Educazione Criminale

Domenica 2 ottobre 2011, alle 22.00 verrà presentata la prima a Napoli del film “Là Bas – Educazione Criminale” diretto da Guido Lombardi, presso il cinema La Perla. La serata è organizzata da “Figli del Bronx” di Gaetano di Vaio (che lo produce), in collaborazione con l’Ass. Cult. “Movies  Event” nell’ambito degli eventi di “Venezia a Napoli – Il Cinema Esteso 2011” dell’ Assessorato alla Cultura e al Turismo del Comune di Napoli. Alla proiezione del film saranno presenti il regista Guido Lombardi, l’attore protagonista Kader Alassane Abdou, tutti gli attori coprotagonisti, i produttori e coloro che hanno collaborato alla realizzazione del film. “Là-Bas” ha vinto in questi giorni il “Leone del Futuro”,  premio miglior Opera Prima Luigi De Laurentiis alla 68a Mostra Internazionale di Arte Cinematografica di Venezia  e il “Premio Kino – Premio del Pubblico” come miglior film in concorso alla 26a Settimana Internazionale della Critica nell’ambito della 68a Mostra Internazionale di Arte Cinematografica di Venezia.

LA STORIA

Siamo a Castel Volturno, circa trenta chilometri da Napoli. È il 18 settembre 2008. Un commando di camorristi irrompe in una sartoria di immigrati africani. Sparano all’impazzata un centinaio di proiettili, ammazzando sei ragazzi di colore e ferendone un altro gravemente.

Yssouf, un giovane immigrato, ha deciso quella stessa sera di chiudere i conti con suo zio Moses. L’uomo che lo ha convinto a venire in Italia. Promettendogli un futuro da onesto artigiano e trasformandolo invece nel cinico gestore di un giro milionario di cocaina.

Invischiati nella loro storia, un altro ragazzo africano, Germain, finito per caso nel luogo della strage; la sua ragazza Asetù, che quella stessa sera canta in pubblico una canzone di Miriam Makeba; Suad, una prostituta che Yssouf sogna di riscattare dai suoi padroni.

Là-Bas è una storia dove fiction e verità confondono i propri percorsi. Il romanzo criminale di un ragazzo dei nostri tempi, intrapreso e vissuto per il solo gusto della sopravvivenza.

 

Share