La rinnovata Sala Kerbaker tra cinema e teatro

La rinnovata Sala Kerbaker tra cinema e teatro

Lunedì 16 settembre 2019 alle ore 19, a ingresso libero, in occasione della presentazione del corto “Ninì” del regista e sceneggiatore Tullio Imperatore, sarà presentata alla stampa e al pubblico la nuova sala Kerbaker del Cinema Plaza di Napoli, completamente rinnovata. Il restyling della sala permette di godere di una nuova pavimentazione, di moderne poltrone, di un impianto audio e video all’avanguardia.

La ristrutturazione, è stata fortemente voluta dalla famiglia Mirra, che non ha mai abbandonato l’interesse per il grande schermo, alle tre sale del cinema Arcobaleno si aggiunge, dunque, il Plaza con la nuova sala Kerbaker, che si propone anche come spazio teatrale, in cui accogliere presentazioni di libri, concerti, seminari, convegni.

Il cortometraggio Ninì, noir thriller/horror, nasce da un’idea di Tullio Imperatore (che lo dirige), elaborata e stesa come sceneggiatura insieme all’amico e collega Tommaso Sacco, che ne è anche interprete con Alessia Reato, accanto alla protagonista Cristina Donadio.

Girato con mezzi tecnici all’avanguardia e una troupe di professionisti, Ninì è interpretato da Il film è stato girato a Villa San Gennariello (Portici) e narra la storia di una famosa attrice, al tramonto della sua carriera, tormentata dalla presenza del nipote, che decide di risolvere una spinosa questione in sospeso.

Lavorare con questa troupe mi ha fatto sentire per la prima volta di fare qualcosa veramente“in grande. – dichiara Tullio Imperatore – Avere un’idea, tradurla in forma scritta e vedere un gruppo di 30 professionisti impegnarsi insieme a te per renderla visibile, e soprattutto lavorare con un’attriceeccezionale come Cristina Donadio, è qualcosa di grandioso ma è anche una grande responsabilità. Credo che ognuno di noi abbia dato il massimo e questo mi rende orgoglioso”.

Ninì riceverà una targa all’11° edizione del Festival Internazionale “I Corti sul lettino. Cinema e psicoanalisi”, presso il PAN di Napoli.

Share