L’umana stupidità delle scimmie

L’umana stupidità delle scimmie

poster-caesar

Manifesto del “Pianeta delle scimmie – Revolution”

La scienza, da Darwin in poi, ha cominciato a chiedersi che differenza ci fosse, realmente, tra l’uomo e la scimmia, le razze estremamente simili nel mondo dei primati. Credo che questo film abbia cominciato a suggerire una risposta: la stupidità.

Non fraintendete, non stiamo parlando di uno splendido documentario sul mondo animale prodotto da National Geographic, ma dell’ennesimo colossal americano campione d’incassi in USA e adesso in programmazione nelle nostre sale: il secondo episodio della saga dell’ultima serie liberamente tratto dal romanzo di Pierre Boulle (La Planète des singes, Julliard, 1963).

Infatti, l’ultimo progetto hollywoodiano prevede la produzione di tre film: iniziato con “L’alba del pianeta delle scimmie” (Rise of the Planet of Apes), 2011, oggi con “Apes Revolution – Il pianeta delle scimmie”(Dawn of the Planet of the Apes), 2014 e prossimamente “L’alba del pianeta delle scimmie 3″ (Planet of the Apes 3), 2016 – Titolo provvisorio in attesa del titolo ufficiale.

Il successo del primo, Il pianeta delle scimmie (Planet of the Apes) del 1968, con il mitico Charlton Heston (l’astronauta George Taylor ), aveva già prodotto una nutrita serie di sequels più o meno interessanti ma sempre nel segno delle classiche storie di fantascienza, sino al remake “Planet of the Apes – Il pianeta delle scimmie”, diretto da Tim Burton nel 2001.

Nel nuovo progetto le prime due pellicole hanno assunto più un carattere Fantasy, che si allontana di molto dalla storia di Pierre Boulle. Il primo ha mostrato la stupidità in chiave animalista e catastrofista: il genere umano si autodistrugge con la diffusione di un virus creato in laboratorio e poi non controllato. Il secondo mette in scena, l’attuale film in programmazione: il problema dell’integrazione tra popoli e razze sopravvissute sulla terra. I conflitti che scaturiscono per l’affermazione della propria sopravvivenza, che sembra passi attraverso la sopraffazione reciproca, e le contraddizioni all’interno delle stesse comunità omogenee. Evidenziando come le aggregazioni tra simili, anche di razze diverse, spesso producono le stesse decisioni stupide, fatta eccezione per i soliti eroi solitari che tentano di limitare i danni derivanti da tali decisioni. Nel film ci sono personaggi e comportamenti speculari, tra le scimmie e tra gli umani. Si tenta così di esorcizzare la perenne stupidità dell’uomo mettendo tutti nello stesso calderone? Gli autori non lo chiariscono, e come potrebbero. Si privilegia quindi la spettacolarizzazione delle battaglie tra uomini e primati con le stesse modalità che ricordano tanto i film realizzati sulle battaglie tra nativi americani ed esercito dell’Unione, battaglie che hanno condotto alla quasi completa estinzione di culture millenarie a favore di quelle dedicate al “progresso“, allo “sviluppo“.

Ne deriva un film noioso e lento (durata 130′), senza colpi di scena e molto prevedibile. Gli effetti speciali e le riprese da videogame, non riescono ad intrigare più di tanto. Tanto lavoro per poco? Pare proprio di si. Un film confezionato senza risparmio di mezzi, e si vede, con le più moderne tecnologie (motion-capture per la creazione dei personaggi scimmie), ma che difficilmente conquisterà i cuori degli amanti del genere fantascientifico. Infatti nelle interviste al regista Matt Reeves e agli attori, pochissimo si parla della storia, estremamente leggera, ma molto degli effetti speciali e delle tecniche di produzione computerizzata. Che dire, quella di produrre film a puntate sembra una tendenza ormai quasi obbligatoria per l’industria cinematografica americana. Tendenza adatta a una buona produzione di fiction, genere tanto amato dal pubblico ma poco  alla proiezione nelle sale cinematografiche. Restiamo in attesa di una storia che cominci con i primi fotogrammi del film e termini con gli ultimi senza che lasci lo spettatore nella sospensione: alla prossima puntata.

Qui di seguito una piccola selezione di trailers del “Il pianeta delle scimmie”

Galleria immagini del “Il pianeta delle scimmie”

[Best_Wordpress_Gallery gallery_type=”thumbnails” theme_id=”1″ gallery_id=”1″ sort_by=”order” order_by=”asc” show_search_box=”0″ search_box_width=”180″ image_column_number=”5″ images_per_page=”30″ image_title=”none” image_enable_page=”1″ thumb_width=”180″ thumb_height=”90″ thumb_click_action=”undefined” thumb_link_target=”undefined” popup_fullscreen=”0″ popup_autoplay=”0″ popup_width=”800″ popup_height=”500″ popup_effect=”fade” popup_interval=”5″ popup_enable_filmstrip=”1″ popup_filmstrip_height=”70″ popup_enable_ctrl_btn=”1″ popup_enable_fullscreen=”1″ popup_enable_info=”1″ popup_info_always_show=”0″ popup_enable_rate=”0″ popup_enable_comment=”1″ popup_hit_counter=”0″ popup_enable_facebook=”1″ popup_enable_twitter=”1″ popup_enable_google=”1″ popup_enable_pinterest=”0″ popup_enable_tumblr=”0″ watermark_type=”none” watermark_link=”http://web-dorado.com”]

 

Share