Napoli, città amica dei bambini

Il presidente dell’Unicef Margherita Dini Ciacci
con Paolo Coletta

E’ stata approvata pochi giorni fa dalla Giunta comunale di Napoli, su richiesta degli assessori Palmieri, Tommasielli, D’Angelo e Lucarelli, la delibera Unicef per la costruzione della Città Amica dei bambini e degli adolescenti. Lo ha annunciato il sindaco Luigi de Magistris in occasione della Giornata Universale dei Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza che si è tenuta stamattina al Teatro Mediterraneo di Napoli. Promossa dall’Unicef e dal Comune di Napoli con la collaborazione della Mostra d’Oltremare, dell’USR del MIUR Campania, dell’Istituto Italiano per gli Studi Filosofici, del CSV Napoli, della Camera di Commercio di Napoli e della Fondazione Banco di Napoli per l’Infanzia, la Giornata parte dalla campagna “Io come Tu” che il Comitato italiano per l’Unicef ha presentato in tutto il Paese. Ha aperto la mattinata la Fanfara dei Bersaglieri della Brigata Garibaldi di Caserta. Sono intervenuti sindaci e assessori dei Comuni di Acerra, Calvi Risorta, Casamarciano, Cimitile, Liveri (che tra breve inaugurerà il primo asilo multietnico Unicef), Marigliano, Marzano di Nola, Parete, Polla, San Vitaliano, Santa Maria La Carità, Pozzuoli. Hanno partecipato la III, la V e la X Municipalità di Napoli. Il nostro primo cittadino  ha sottolineato come i bambini siano un passo avanti agli adulti nelle politiche per una città migliore. “Occorre lavorare affinché non si spenga in loro la capacità di sognare – ha affermato – è vergognoso che in quest’epoca occorra ancora sottolineare l’importanza dei diritti dei bambini, delle donne, parlare di discriminazioni di genere. Napoli non conosce discriminazioni”.

E sempre Napoli ha conferito la cittadinanza onoraria ai bambini nati da genitori stranieri e residenti in città.“La legge 91 che regola  questo diritto è ormai superata. – ha detto Margherita Dini Ciacci – Questi nuovi nati sono a tutti gli effetti napoletani e colmano l’enorme vuoto di nascite”.

Tanti gli interventi moderati con brio dall’attore-regista Paolo Coletta, ambasciatore Unicef. Sul palco si sono alternati assessori, sindaci, amici del volontariato, artisti, come Pino e Mimì De Maio con i ragazzi di Nisida, Cicciopotter e tanti bambini: i veri protagonisti.

 

 

Share