Nei nostri sogni

Nei nostri sogni

Tematiche come la morte, le attese e le occasioni mancate della vita passano sotto la lente dell’elemento soprannaturale, a tratti del paranormale, per approdare nell’attualità. Le affronta nell’opera prima la napoletana Antonella Capobianco, che presenterà il libro Nei nostri sogni (PAV Edizioni) mercoledì 7 luglio alle ore 18,30 presso il caffè letterario e bistrot “Il Tempo del Vino e delle Rose” a Napoli. Un incontro dibattito, moderato dal giornalista Renato Aiello, cui prenderà parte l’autrice insieme ad autorevoli relatori: Antonello Sannino, segretario Antinoo Arcigay Napoli; l’avvocato Alessia Schisano; la psicologa Daniela Barberio; l’attrice Liliana Palermo, cui saranno affidate le letture di alcuni passaggi del testo.

L’aspetto portante è quello dell’incomunicabilità tra genitori e figli, nell’era dell’interconnessione e della convivenza forzata, che causa paura e incomprensioni: dalla spinta al coming out in famiglia, alla triste piaga dell’omofobia, oggi più che mai sotto i riflettori. “I casi di raid omofobi, bullismo e violenza familiare, fisica e psicologica non possono lasciarci indifferenti. – dichiara l’autrice – Ho voluto dare un contributo alla riflessione su questo aspetto della nostra contemporaneità, che offende tutti gli individui”.

 

IL LIBRO

Il romanzo racconta la storia di Emma, in cui i sogni diventano, al di là di ogni credo spirituale e religioso, lo strumento attraverso cui la donna continua a comunicare con uno dei suoi due figli, a causa della perdita improvvisa che sconvolge totalmente il nucleo familiare. Un evento inatteso che mette in moto anche scoperte decisive e svela i segreti meglio nascosti tra i suoi cari, perfetti sconosciuti l’uno per l’altro.

Share