Per chi canta la Sirena?

Per chi canta la Sirena?

Come capitalizzare un patrimonio unico al mondo di ricchezze storiche e di passione intellettuale? È una delle domande che pone l’ultimo lungometraggio di Sandro Dionisio, “Voce ‘e Sirena”, che sarà proiettato al cinema Delle Palme di Napoli, martedì 19 marzo 2019, alle ore 21.

Il film, girato nelle rovine allora fumanti di Città della Scienza, è un accorato dialogo filosofico tra anime diverse della città, incarnate da Rosaria De Cicco, Cristina Donadio, Agostino Chiummariello, Enzo Moscato, cui si affiancano gli interventi, tra gli altri, di Aldo Masullo, Silvio Perrella, Marino Niola, Elisabetta Moro, Antonio Biasiucci e Christian Leperino, affiancati dalle performances di Riccardo Veno, Vincenzo Danise, Solis Quartet e Maria Pia De Vito.

La proiezione del film, a sei anni dal rogo di Città della Scienza, è l’occasione per mantenere viva una riflessione a più voci sulla “città porosa”. Se ne parlerà con il cast, con Domenico Ciruzzi, presidente della Fondazione Premio Napoli, e con l’antropologo Marino Niola, moderati dal giornalista e saggista Francesco Bellofatto

Dei miei lungometraggi – spiega Dionisio – “Voce ‘e Sirena” è il più ardito: un mix di cinema, documentario, musical e di finzione con echi teatrali. Una vera sfida per quanto riguarda il lavoro di set: abbiamo trascorso settimane incantate e faticosissime tra rovine e miasmi, ritrovando tra le macerie fumanti un senso misterioso di dedizione e di appartenenza alla settima arte e al nostro territorio. Una sfida vinta anche e soprattutto grazie al contributo ispirato dei miei protagonisti e di una piccola grande troupe in stato di grazia.

“Voce ‘e Sirena” è nato d’impulso come reazione all‘atto vandalico. Ora che il ciclo lucreziano di morte e rinascita è compiuto, bisogna progettare un nuovo futuro per quell’area e per la città. Mi auguro che la visione della memoria documentaristica sulle rovine sappia ricordare a ciascuno l’ombra che abbiamo attraversato, affinché ci permetta di dirigerci speditamente verso un esito luminoso dove solo il canto della Sirena possa innalzarsi, tra cielo e mare, sopra Parthenope”.

IL PLOT

Patrizia e Sofia, coinvolte professionalmente nella gestione dell’area museale di Città Della Scienza rispettivamente come commissario delle indagini e custode del presidio, attraversano le rovine del rogo che ha oltraggiato Napoli e in quelle macerie ritrovano un senso di appartenenza, evocando le voci più nobili e antiche della storia millenaria della città. Rappresentano l’una la borghesia napoletana e l’altra l’invincibile popolo napoletano: sono figure reali, quotidiane, ma riveleranno presto la loro natura mitologica.

 

 

 

Share