Storia di sport, famiglia e sfide irrisolte

Storia di sport, famiglia e sfide irrisolte

Il Teatro Tram di Napoli riapre, riducendo il numero dei posti e con grande prudenza. In scena dal 16 al 25 ottobre 2020 debutta Primo sangue, testo e regia del direttore artistico Mirko Di Martino, con Orazio Cerino e Errico Liguori.

Abbiamo scelto di tenere aperto il teatro nonostante la drastica riduzione dei posti. – spiega – Il nostro teatro è una casa per le tante persone che lo frequentano. Stiamo provando a resistere, ma non è sostenibile andare in scena a queste condizioni. Purtroppo, le istituzioni sono assenti, ma ci resta il calore della nostra comunità”.

Due fratelli, due campioni di scherma, tornano a casa al momento della morte imminente del padre. Si ritrovano nella stessa palestra dove tutto era cominciato, quando da bambini il loro papà allenatore li sottoponeva ad allenamenti durissimi per farli diventare dei vincenti. Aldo e Edo sono cresciuti insieme e insieme hanno vinto tutto, fino al momento in cui è accaduto qualcosa che li ha separati, dodici anni prima: durante la finale del campionato italiano, che li vedeva opposti, Edo ha abbandonato all’improvviso il match lasciando Aldo in pedana. Non solo: da quel momento Edoardo è andato via di casa e ha smesso di rivolgere la parola al padre. Negli anni seguenti, Aldo ha continuato a praticare la scherma ad alti livelli, ma non è mai riuscito a vincere un oro alle Olimpiadi o ai Mondiali. Edo, che sembrava destinato a diventare un fuoriclasse, si è invece ritirato dall’attività agonistica, ma ha continuato a praticare la scherma come insegnante. Oggi i due fratelli si ritrovano per la prima volta insieme, da soli, con una palestra a disposizione e le spade in mano. E’ il momento di regolare i conti in sospeso, è l’occasione per concludere finalmente quella finale e decretare il vincitore. E’ soprattutto il momento della verità: cosa è successo, davvero, in quella notte di dodici anni prima?

Scene di Giorgia Lauro, allenamenti presso il Circolo Nautico di Posillipo a cura dei maestri d’arme Aldo Cuomo e Lorenzo Buonfiglio, duello e coreografie a cura del maestro d’arme Nicola De Matteo.

 

(foto di Valentina Cosentino)

Share