Teatro Mercadante, stagione 2022/23

Teatro Mercadante, stagione 2022/23

Inevitabile non ricordare la pandemia che ci ha tenuti separati per oltre due anni, per poter giungere all’idea che “Un altromondo è possibile”. E’ questo il titolo della stagione 2022/23 del Teatro Mercadante – Teatro Nazionale di Napoli.

Lo hanno ribadito il presidente De Raho, il direttore Andò e, nelle presentazioni degli spettacoli, anche gli attori intervenuti. Finalmente liberati, dunque, gli appassionati, i tanti abbonati e, si spera, nuovi spettatori, potranno godere di un ricco cartellone preparato dallo Stabile partenopeo.

Tanti i nomi illustri, i giovani, gli autori celebri, le riletture, le novità nelle 23 proposte nelle due sale: Mercadante e San Ferdinando, da ottobre 2022 a maggio 2023.

La stagione si apre il 19 ottobre 2022 con un romanzo-totem della letteratura italiana, come spiega Roberto Andò, che porterà in scena “Ferito a morte” di Raffaele La Capria, che l’anno prossimo compirà cento anni. “Questa scelta del romanzesco – spiega il direttore – come tonalità privilegiata per intercettare la contemporaneità. È la linea che caratterizza le altre produzioni previste in questa stagione, come spiega il titolo, a evidenziare la grande promessa del teatro in ogni tempo”. Ne saranno interpreti principali Gea Martire, Roberto De Francesco, Paolo Mazzarelli, Andrea Renzi.

“Cyrano de Begerac” (foto di Tommaso Le Pera)

Quindi Enzo Moscato col nuovo “Libidine violenta” (15 novembre). Antonio Capuanp autore e regista di “T&P. Totò e Peppino”, omaggio a Beckett(16-27 novembre). Ritorna Viviani, ma nelle mani di una giovane compagnia, Giuseppe Miale di Mauro, con Mario Tronco per le musiche interpretate dall’Orchestra di Piazza Vittorio, sceglie “Scalo marittimo” con i compagni del Collettivo Nest: Francesco Di Leva, Adriano Pantaleo, Giuseppe Gaudino. Arturo Cirillo porterà il suo “Cyrano de Bergerac” a marzo. Lino Musella ritorna con “Tavola tavola chiodo chiodo”, un suo spettacolo visto in streaming. Mauro Gioia con Francesco Saponaro affronta le canzoni di Pasolini in “Cado sempre dalle nuvole – Cantare Pasolini”. Tornerà anche Armando Pugliese che firma la regia di “La compagnia del sonno”. Pippo Delbono dopo qualche anno al Mercadante con “La gioia”, dedicato al suo Bobò. Elio De Capitani porta “La morte e la fanciulla”di Ariel Dorfman. Emma Dante propone “Misericordia”. Davide Enia invece il rinnovato testo “Italia-Brasile 3 a 2. Il ritorno”. Ci saranno, ancora, Filippo Dini con “Il crogiuolo” di Miller. “Don chisciotte” con Alessio Boni.

“La gioia”

E tra i classici saranno proposti “Otello”, Eduardo De Filippo di “L’arte della commedia” con Fausto Russo Alesi. Cechov. Un inedito di Fabrizia Ramondino “Stanza con compositore, donne, strumenti musicali, ragazzo”.

Per la sezione Progetti sono in programma: l’ormai storico “Arrevuoto”. “Verso sud”, incontri tra Napoli e le comunità migranti. “Naturae/Arrevuoto”, ideato e diretto da Armando Punzo per la Compagnia della Fortezza.

 

 

 

(In copertina “Misericordia” foto di ©MasiarPasquali)

Share