Un Coro per i giovani talenti

Il teatro San Carlo di Napoli

E’ destinata ai giovani dai 18 ai 35 anni la nuova iniziativa del teatro San Carlo di Napoli, I Sancarlini. Con un bando appena pubblicato, il Massimo partenopeo promuove il progetto/laboratorio per la costituzione di un coro di voci bianche, colmando un vuoto. Carlo Morelli e Stefania Rinaldi dirigeranno i giovani talentuosi che si presenteranno alle selezioni che si terranno a ottobre. Studenti, allievi strumentisti, cantanti dei conservatori o giovani cantanti che aspirano a sviluppare competenze corali, in particolare nell’ambito della musica sacra.

Significativa anche la sede dei laboratori e del luogo di lavoro: l’ex stabilimento Cirio a Vigliena. Un’azione che rientra nella politica di rendere partecipi i quartieri periferici della città, anche se ha detto il sindaco che non si deve più parlare di periferie ma di quartieri diversi. “Napoli è una città unita ed è nel mondo”, afferma il primo cittadino, presidente del Lirico, e auspica l’incontro tra i giovani, un’integrazione per una partecipazione attiva e completa di tutto il territorio.

La scuola sarà gratuita e, oltre agli insegnanti di musica, il progetto I Sancarlini prevede la presenza di un foniatra e di uno psicologo, figure fondamentali nel percorso di formazione e apprendimento dei futuri cantori. L’ulteriore augurio di tutti è che il numero degli iscritti sia tanto numeroso da poter organizzare diversi cori da portare anche in altri spazi.

“E’ un seme che crescerà, un investimento sui giovani per un futuro in cui conteranno le persone e non il denaro. – dice il indaco – La rivoluzionarietà dell’arte è innegabile. E’ il segreto per cui Napoli non morirà mai, perché ce l’ha nel Dna”.

Share