Un mondo di memorie

Un mondo di memorie

Il nuovo romanzo di Aldo di Mauro, “La signorina” (Valtrend Editore) offre uno altro spaccato storico e artistico della Napoli antica, così ben ricordata in gran parte dei libri del poliedrico scrittore, filosofo, autore di commedie, ballate, macchiette.

Ersilia Corelli è la protagonista del romanzo, che ha per sottotitolo “Storia di una pianista d’altri tempi”. L’autore descrive, con essenziali, sapienti pennellate, un’epoca fatta di affetti e condivisione, di dialogo, di sentimenti delicati, eterni.

Ersilia vive in un suo mondo di memorie preziose e antiche; la realtà, fatta di tante piccole cose, è una Madeleine de Proust, e la musica, che riempie la vita della Signorina, è la virtù consolatrice di leopardiana memoria.

Insieme fragile e forte, la Signorina si colloca nella scia delle single per scelta. La città di Napoli è coprotagonista della storia e il racconto ha elementi del feuilleton, del romanzo di formazione, d’ambiente, psicologico, anche un po’ giallo. La qualità dell’opera è la leggerezza, di calviniana memoria, mentre Napoli è metafora di mondo, luogo dell’anima; la lingua napoletana espressione di forte identità e resistenza culturale.

 

Share