Un Museo per le fiabe

Un Museo per le fiabe

Un regalo natalizio per i più piccoli da MeMus, Museo e Archivio Storico del Teatro di San Carlo di Napoli. S’intitola Fiabe al Museo la mostra a cura di Giusi Giustino, Direttore della Sartoria del lirico partenopeo, visitabile dal 4 gennaio 2020 (apertura 9.00/19.00, domenica 9/15.00, mercoledì chiusura) e interamente incentrata sull’antico e inscindibile legame tra favola e musica. Un legame che ha compiuto prodigi sui pentagrammi di grandi compositori: basti pensare a Gioachino Rossini con La Cenerentola, alla favola nordica di Rusalka (ispirata alla storia de La sirenetta) di Antonín Dvořák. E ancora Hänsel e Gretel di Engelbert Humperdinck, L’Enfant et les Sortilèges di Maurice Ravel, LHistoire de Babar di Francis Poulenc, Il carnevale degli animali di Camille Saint-Saëns, Alice in Wonderland, Lo schiaccianoci, La bella addormentata di Pëtr Il’ič Čajkovskij e Cenerentola di Sergej Prokof’ev e Sogno di una notte di mezza estate di Felix Mendelssohn-Bartholdy solo per citarne alcuni. Personaggi, magici e fantastici, animeranno il MeMus in un percorso scandito da costumi, figurini, bozzetti e oggetti di scena dei balletti ospitati negli anni.

Nell’esposizione ampio spazio è dedicato anche alla sezione “contemporanea” con gli spettacoli messi in scena in prima assoluta negli ultimi anni dalla Scuola di Ballo del Teatro di San Carlo su musiche di Gaetano Panariello come Peter Pan, La favola di Biancaneve, Pinocchio, Il Guarracino.

INFO

Speciale Famiglie: per vivere la magia delle fiabe al MEMUS, il Teatro di San Carlo offre l’opportunità a tutte le famiglie, che desiderano partecipare alla mostra, di presentare alla biglietteria del San Carlo un coupon attraverso il quale si potrà acquistare un biglietto d’ingresso al prezzo speciale di 5 euro a persona. I coupon verranno distribuiti dai Morks, simpatici trampolieri in costume, per le strade della città nei giorni che anticipano l’inaugurazione della mostra.

 

Share