Un talent targato Napoli

Un talent targato Napoli

È andata in onda con successo giovedì 23 agosto 2018 su Rai Due, alle 23.50, la puntata zero del nuovo format Be Quiet Talent Show, ideato dal canta-compositore Giovanni Block, dallo scrittore e giornalista Giovanni Chianelli, da Alessandra Farro e dall’autore surreale Luciano Labrano. Il debutto del collettivo di artisti, nato circa sei anni fa e ora divenuto associazione, ha conquistato quasi duecentomila spettatori con il 2,52% di share, un dato superiore a quello ottenuto, nella stessa fascia oraria, da Rai Tre.

Il Talent Show targato Be Quiet – spiegano gli autori – è una spietata parodia di quanto sembra pilotare il pubblico e l’informazione verso un’epoca “fast” dall’ascolto e dall’insulto facile, popolata dai “mostri” del web e dalla subcultura, ma nel contempo è l’occasione per accendere le luci sulla musica cantautorale di qualità rappresentata da artisti di talento, emergenti e non. Un esordio incoraggiante che apre a nuovi scenari per le produzioni future”.

Un’operazione un po’ insolita per la televisione.  L’operazione Be Quiet Talent Show, infatti, chiariscono gli ideatori, “ha un’ambizione: quella di rovesciare lo schema della trasmissione “pilotata” per evidenziare la critica a un paese che boccia il merito e premia altro. Il plot è “L’unico talent che ti rende meno famoso di prima”. La satira prende di mira le agenzie della modernità malata. Come per esempio, l’egemonia del web”.

I partecipanti

Hanno partecipato Luca De Lorenzo, Annarita Ferraro, Adriano Falivene, Luciano Labrano, Chiara Celotto, Ceppe, Giovanni Block, Giovanni Chianelli, Nicola Dragotto, Alessandra Farro, Lucio Lo Gatto e i Vandalia. In “gara”:  Attilio Fontana, La Terza Classe, Greta Zuccoli, Alessio Arena. La band, diretta dal maestro Francesco Lettieri, è composta da Eugenio Fabiani (batteria), Francesco Sanarico (basso), Francesco Garramone (chitarra), Enrico Valanzuolo (tromba).

 

 

 

Share