Una classe senza tempo

Un momento del concerto

Un momento del concerto

Caro Emerald, splendida guest star del concerto evento alla Reggia Outlet, offre un coinvolgente concerto infarcito di atmosfere retrò e irresistibili sonorità jazz anni ‘30/‘40. L’artista olandese è in tour con il nuovo album “The Shocking Miss Emerald”, ispirato alla Parigi anni ’20, il cui singolo “Tangled Up” è al primo posto in classifica in Inghilterra e sta scalando le classifiche europee dei singoli più ascoltati. Nota al grande pubblico per il singolo “Riviera life“ cantato con Giuliano Palma, Caroline Esmeralda van der Leeuw è un’ottima vocalist che miscela sapientemente jazz, swing, elettronica, creando una magica atmosfera stile Cotton Club, dove spopolavano Duke Ellington e Cab Calloway, evocando fumosi locali del jazz negli anni del proibizionismo e delle divine cantanti americane.

La Emerald alterna vecchi successi tratti dall’album del debutto, “Deleted Scenes from the Cutting Room Floor” e dal nuovo “The shocking Miss Emerald“: il new jazz di “Tangled up” e “Liquid Lunch” e lo swing di “One day“, la solare “Completely”, “Coming back as a man”, l’intima “Black Valentine“, i beat quasi hip-hop e l’elettronica di “Stuck” e “Back It Up”. I  talentuosi musicisti – brillante il brass ensemble – alternano sonorità più moderne, dove si esalta lo scratch con “The Maestro” e “Pack up the Louie“, con altre più old style, con il jazz classico di “Paris” e di “The wonderful in you“, la dominante degli archi in brani quali “Black Valentine” e “I Belong to You”. Un bel viaggio sonoro dal pop alla bossa nova, dallo swing al ragtime, dall’hip hop al new jazz nel quale l’artista dimostra versatilità e bravura, sapendo assecondare l’elettronica e la musica dal sapore retrò. Qualche suo motivo ricorda Amy Winehouse, ma con stile personale. Elegante, raffinata, la vocalist ha ri-creato un genere orecchiabile e di classe, intramontabile e insieme moderno e accattivante.

Share