Una commedia pulp

Una commedia pulp

Una scena

Una scena

Osano ancora le Cattive Compagnie con il loro personalissimo teatro all’insegna del noir, confrontandosi con uno dei testi shakespeariani più “pulp”: Titus-Commedia Pulp prodotto con la compagnia Mauri Sturno e realizzato in collaborazione con La Cattiva Strada e l’Accademia Musicale Nomos, sarà in scena al Teatro Trastevere di Roma dal 8 gennaio al 25 gennaio 2015, con la regia di Leonardo Buttaroni e interpretato da Diego Migeni, Alessandro Di Somma, Marco Zordan, Daniela Kofler, Yaser Mohamed, Gioele Rotini, Matteo Fasanella, Virginia Arveda, e Valerio Persili. Lo spettacolo, libero adattamento di “Titus”, la prima tragedia scritta da Shakespeare, ne coglie “gli impulsi più grotteschi, crudeli e a tratti puramente folli per portarli sino al paradosso”.

Un salto audace e irresistibile dal Bardo a Quentin Tarantino, che propone una narrazione dal ritmo incalzante e cinematografico, inserita in uno scenario post-moderno – contraltare scenografico al profondo rispetto per la classicità dell’ambientazione e del testo, mantenuto in versione pressoché integrale. Quattro prospettive per i quattro personaggi principali. “Proprio come Tarantino usa fare, – spiega la compagnia, reduce dai successi di “Horse Head” “Fight Club – La Prima Regola” – la narrazione si modifica a seconda del punto di vista indagato, con numerosi e sorprendenti colpi di scena, che “tirano” il filo del dramma verso un’ampia gamma di registri: da quello epico a quello comico-grottesco, da quello poetico a quello profondamente tragico”.

 

 

 

Share