Va in scena la crisi del teatro

Va in scena la crisi del teatro

Tra esilaranti scambi comici e momenti di profonda riflessione, si svolge una storia di amicizia, rivincita e conflitti sociali che è un inno d’amore al teatro. Dal 29 al 31 ottobre 2021, per la sezione “Contemporaneo”, al teatro Sannazaro di Napoli va in scena Muratori di Edoardo Erba, con Angela De Matteo, Massimo De Matteo, Francesco Procopio diretti da Peppe Miale.

La celebre commedia di Edoardo Erba, messa in scena per la prima volta in lingua napoletana, affronta un tema attuale: la crisi dei teatri sempre più sacrificati per fare spazio a lucrosi megasupermercati. Così “in una notte sospesa e infinita – dice il regista Miale – due muratori si insinuano illegalmente in una sala teatrale al confine con un supermercato per realizzare un muro abusivo. Il fine è quello di allargare gli spazi del contiguo esercizio commerciale su mandato del proprietario del palazzo che contiene i due locali. Ma la magia di quel luogo che sta per essere violato vive rappresentandosi in presenze presunte, rumori sinistri, luci irregolari, inducendo perplessità e domande nelle menti e nei cuori dei nostri due anti-eroi”. Quando poi si palesa un’incantevole figura di donna, tale signorina Giulia, che appare ora all’uno ora all’altro la storia cambia: i due uomini “si confrontano anche duramente fino addirittura a creare i presupposti per scombinare il sodalizio edile che avevano cercato di avviare, lasciando sul terreno di quella contesa i rottami delle rispettive esistenze”.

È il teatro che prova a sopravvivere sublimando se stesso in un viaggio infinito che vale proverbialmente più della meta. Costumi di Alessandra Gaudioso, scene di Luigi Ferrigno, assistente scenografo Sara Palmieri, musiche di Floriano Bocchino, luci di Salvatore Palladino.

 

(La foto è di Anna Camerlingo)

Share