Addio al vigile-poeta

Maresa Galli

Non l’aveva scelta come professione, ma la musica lo ha accompagnato per tutta la vita. Grazie alla sua creatività e alla familiarità con altri musicisti, ha potuto esprimere la sua grande passione. Legando il suo nome a Mario Merola, ai Fierro, al maestro Renato Matassa.

Giuseppe Esposito, agente della polizia municipale di Napoli, è morto per coronavirus, contratto in ospedale dove si era recato per sottoporsi ad una operazione al ginocchio. Ricoverato dal 10 febbraio 2020 a Bergamo, l’11 marzo era stato trasferito all’ospedale di San Donato Milanese in terapia intensiva, dove si è spento.

Esposito lavorava nell’Unità operativa rimozione auto. Molti lo ricordano per le sue collaborazioni con Mario Merola, autore dei testi di “Piazzetta Merola II”, condotto dal re della sceneggiata su Napoli International.

Nato a Napoli, classe 1954, è stato tra gli esponenti della poesia dialettale napoletana, amata sin da bambino. Ha frequentato i poeti napoletani, l’ambiente teatrale e musicale assieme al padre. Si è dedicato all’ideazione e alla conduzione di programmi radiofonici sulla poesia e sulla canzone napoletana. Cultore della melodia napoletana e dei suoi illustri maestri, conservava registrazioni rare degli interpreti famosi della canzone napoletana. Conosciuto come “il vigile poeta”, profondo conoscitore della canzone classica partenopea, lascia la bella eredità delle sue liriche appassionate. Tra i suoi libri ricordiamo le raccolte poetiche “Guaglione Napulitano”, “’E vvarchetelle ‘e carta”, “Surgente antica”, “Juorno pe’ ghiuorno”, e “Qui Napoli. Itinerario turistico in dialetto napoletano”. Nelle sue opere esprime nobili sentimenti e sonda vaste tematiche che mostrano un grande cuore e l’amore sconfinato per la cultura napoletana, per i suoi artisti. Napoli ha perso un nobile cantore.

 

 

‘O  CUNTO D’’A NONNA

Parlame ancora ‘e lupe e pecurelle

Mo ca nu criaturiello nun so’ chiù,

cuntame d’’o triato ‘e guarattelle,

comme facive tantu tiempo fa.

 

…E nce steva na vota na nennella,

cu ll’uocchie chiare e cu’’e capille d’oro,

ca ogge è addeventata vicchiarella

e aspetta ‘a morte pe s’arrepusà.

 

Cu essa ‘a vita fuie nu poco ‘ngrata…

Che sacrificie! Quanta sofferenze!

Ma quann’ ascette ‘o sole ‘int’’a vernata:

partette ‘o figlio suoio pe nun turnà!

 

…E conta, conta ancora e nun se stanca…

Corre cu ‘o pensiero ‘a nunnarella,

pare turnata d’oro ‘a capa janca,

comm’a na nenna ‘e tantu tiempo fa.

 La foto è di Enzo Pagliaro

Categorie

Ultimi articoli

Social links

Notizie Teatrali © All rights reserved

Powered by Fancy Web