Al via i concerti

Maresa Galli

Il Quartetto alla Scala
Il Quartetto alla Scala

Presentata al Gran Caffè la Caffettiera la XIX edizione del Maggio della Musica, taglio del nastro giovedì 5 maggio, nella storica Villa Pignatelli a Napoli, con il Quartetto alla Scala. La diciannovesima Stagione di concerti dell’associazione Maggio della Musica presieduta da Luigia Baratti, realizzata con il contributo di Mibact e Regione Campania in collaborazione con il Polo Museale Napoletano e l’associazione Amici del Maggio, si avvale di una presentazione partecipata e animata dal dibattito con i giornalisti. Intervengono Michele Campanella, direttore artistico del Maggio della Musica, Sergio Meomartini, presidente “Amici del Maggio” e Denise Maria Pagano, direttrice del museo di Villa Pignatelli che racconta come questi diciannove anni siano volati.

Parla della ristrutturazione della Villa, della veranda ora climatizzata, dell’amore della principessa per la musica che custodiva i suoi microsolchi dando la sua villa in concessione allo Stato proprio per la diffusione della musica. Diciassette concerti in programma dedicati all’integrale brahmsiana per il triennio 2015 – 2017. “Oltre alla programmazione musicale – spiega il direttore – vi è la programmazione degli interpreti. Amo valorizzare i musicisti italiani che vediamo troppo poco nelle rassegne; ecco perché vi sono il Quartetto della Scala, che rappresenta il Teatro alla Scala e il Sestetto Stradivari, che rappresenta Santa Cecilia. Purtroppo i giovani del Conservatorio non vengono ad ascoltare i loro colleghi e questa mancanza si pagherà negli anni a venire”.

Campanella, come Meomartini, è preoccupato dall’assenza dei giovanissimi ai concerti da camera, stringendo rapporti sempre più stretti con le scuole superando l’ottica di seguire eventi solo per realizzare crediti formativi. Il giornalista Amedeo Finizio propone anche, per incrementare e sollecitare la partecipazione, di collegare gli eventi a concerti di cori che in Campania sono tanti e valenti. Oltre all’inaugurazione con il Quartetto della Scala, attesi i concerti del Sestetto Stradivari, di Michele Campanella, Raffaele Mallozzi e Monica Leone. Il grande Franco Maggio Ormezowski, accompagnato al pianoforte dalla figlia Emanuela, eseguirà il brano più difficile per violoncello, la “Sonata n. 8” di Zoltàn Kodaly. Gabriele Pieranunzi con I Solisti Aquilani, fondati e diretti dal compianto maestro Vittorio Antonellini, “tutti giovani fortemente motivati”, terrà un concerto sulla illustre epopea violinistica del Barocco italiano. Spazio speciale per i recital per pianoforte, con Massimo Giuseppe Bianchi in un programma su epoche differenti basato sulla Fuga, da Scarlatti a Barber, Michele Campanella con “Quadri da una esposizione” di Musorgskij e l’interprete di Zipoli Giovanni Nesi, vincitore del “Maggio del Pianoforte” 2015, contest dedicato ai giovani talenti pianistici di tutto il mondo la cui terza edizione si terrà dal 9 ottobre al 20 novembre, con protagonisti Laetitia Hann, di appena dodici anni, Davide Scarabottolo, Sara Medkova, Ruben Micieli, Caterina Barontini e Giorgio Trione Bartoli. Il 30 giugno Peppe Servillo e Javier Girotto ritornano al Maggio con Natalio Mangalavite con l’album “Parientes”, viaggio sonoro dei migranti tra Italia e Argentina (“Nosotros somos argentinos, nosotros somos tambem italianos, somos parientes”). Chiude la Stagione, il 27 novembre, il concerto di due musicisti campani, il pianista Luca Mennella e il violinista Fabrizio Falasca, tra i più brillanti della sua generazione, che tra l’altro eseguiranno la Sonata “a Kreutzer”.

Biglietti: per i concerti 20 euro (ridotto 15; ridotto giovani 10); per il “Maggio del Pianoforte” da 10 a 15 euro
Info: 081 5604700 – maggiodellamusica@libero.it – maggiodellamusica.it
 

Categorie

Ultimi articoli

Social links

Notizie Teatrali © All rights reserved

Powered by Fancy Web