Anime nude

Angela Matassa

GIORNATA MONDIALE PER L’ELIMINAZIONE DELLA VIOLENZA

CONTRO LE DONNE

 

 

FEMMENE

Simmo femmene

Anime annure

anime sole

co’ cuorpo

e ccu ll’anema.

Violate, accise,

stuprate, sfruttate,

invase, schiave,

puttane e sante.

Mamme, figlie,

mogli, amanti.

È nera ‘a vita

pe ‘na femmena

pure c’u ‘e brillante

l’argiento, ‘e ricchezze.

È tosta pe ‘na femmena.

Addo sta cchiù

l’azzurro ‘e ll’uocchie

l’oro d’e capille

‘o doce d’o core.

Addò sta cchiù

chella bellezza

ca te facette ‘nnammurà.

Femmene.

La locandina dello spettacolo “Anime nude”

simmo anime annure,

rocce int ‘o viento,

scogli a mare,

querce int ‘o ciardino.

Cunsumate, arravugliate,

attorcigliate, addenucchiate,

annammurate.

È ‘nu suonno can nun vo’ ferni’.

Luce int ‘o scuro d’e figli,

buio int ‘a na notte scanusciuta.

Categorie

Ultimi articoli

Social links

Nuovo progetto

Notizie Teatrali © All rights reserved

Powered by Fancy Web