Bambini: dati agghiaccianti

Redazione

Margherita Dini Ciacci
Margherita Dini Ciacci

Il 20 novembre nel Teatro Mediterraneo della Mostra D’Oltremare di Napoli, in contemporanea con tutti i comitati UNICEF del mondo, il Comitato Regionale Campania per l’UNICEF ha presentato all’opinione pubblica e alla stampa il Rapporto ONU 2015 sulla Convenzione Internazionale dei diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza e ha celebrato La Giornata universale dell’infanzia e dell’adolescenza 2014.

Ecco la relazione del Presidente Regionale Margherita Dini Ciacci

Premessa al rapporto sono stati gli incontri organizzati a Roma dall’UNICEF Italia. In particolare il 28 ottobre scorso, a Roma, l’UNICEF Innocenti, in occasione del semestre italiano di Presidenza Europea, ha presentato il Report card 12 “figli della recessione: l’impatto della crisi economica sul benessere dei bambini nei Paesi ricchi”. Ancora ogginel mondo ogni 20 minuti muore un bambino e, secondo un’indagine dell’Unicef Regno Unito, ogni 5 minuti un bambino muore per violenze di ogni tipo nei “civili” Paesi dell’Europa.

Negli ultimi 5 anni non è stato possibile soddisfare i bisogni dei bambini poiché sono aumentate le povertà e le disuguaglianze. Una generazione di giovani è stata fermata.

Molti paesi hanno smesso la politica economica volta alla crescita, aumentando la politica dell’austerità. Per non vanificare i 25 anni della Convenzione Internazionale l’UNICEF invita a porre i bambini ed i giovani al centro dei futuri programmi di stabilità.

Sempre nel tema dei diritti l’UNICEF Italia, il 3 novembre scorso, a Roma, ha dibattuto il tema “La giustizia a misura delle persone di età minore” sviluppando il tema del “superiori interesse del minore”.

La Convenzione, nata il 20 novembre 1989 e ratificata dall’Italia con legge 176 del 27 maggio 1991, ha conseguito innegabili progressi.

  • Dal 2000 il lavoro minorile è sceso di 1/3, ma 168 milioni di bambini sono ancora costretti a lavorare;
  • Il numero dei decessi infantili si è ridotto di 1/3 ma ogni anno 3 milioni continuano a morire;
  • 35 milioni di migranti sono minori;
  • Le iscrizioni a scuola sono aumentate dal 33% al 50% e le registrazioni dei nati sono aumentate dal 58% al 65% ma ancora un bambino su tre è invisibile.

Le riflessioni conclusive del rapporto sulla Convenzione sono affidate ad esperti istituzionali. Richiamiamo Piero Fassina, Presidente Nazionale dell’ANCI, che a marzo ha siglato un protocollo di intesa con l’UNICEF Italia, che sollecita i Comuni a sostenere l’uguaglianza dei diritti dei bambini e l’eliminazione di ogni forma di discriminazione nei loro confronti. E Giovanni Boda, DG per l’Integrazione, la Partecipazione e la Comunicazione del Ministero della Pubblica Istruzione, Università e Ricerca, sottolinea fra l’altro la necessità di porre al centro degli interventi educativi il bambino e l’adolescente con i suoi diritti e la sua specificità e richiama l’azione del MIUR.

Ancora una volta l’UNICEF Campania chiede la partecipazione attiva delle Scuole Amiche sul territorio che potranno inviare all’UNICEF Regionale (comitato.napoli@unicef.it) le loro riflessioni sui diritti enunciati dalla Convenzione e realizzati (o no) nella loro comunità- famiglia, scuola, comune e associazioni -.

I nuovi Obiettivi del Millennio nel 2015 dovranno essere ridisegnati, in modo unitario, da tutti gli interlocutori fisiologici dei bambini.

Una comunità educante e solidale a Napoli come in Campania deve portare avanti una programmazione unitaria nell’interesse delle nuove generazioni che rappresentano non il “problema” ma la soluzione del “problema”.

Categorie

Ultimi articoli

Social links

Notizie Teatrali © All rights reserved

Powered by Fancy Web