Caravaggio luci e ombre

Maresa Galli

Un momento della rappresentazione
Un momento della rappresentazione

“Caravaggio luci e ombre”, uno spettacolo che ha colpito il pubblico per la ricostruzione storica, l’aspetto romanzato, la bravura dei protagonisti, l’appropriata ricerca dei luoghi. Maurizio Merolla (Caravaggio), Liliana Palermo (la Papessa), Ciro Grano, Antony Delle Donne, Fedele Canonico, Susanna Mendoza, Jahela Pinto, Luigi Farinelli, con la partecipazione occasionale di Giovanni Merolla, sono i bravi protagonisti della pièce. Curano l’accompagnamento musicale Andrea Sensale e Giancarlo Sanduzzi. Gli autori del Progetto Millarcum, Ilio Stellato e Maurizio Merolla, hanno curato le rievocazioni storiche in stile cinematografico, sul principe di San Severo, Maria d’Avalos, Carlo Gesualdo e Caravaggio, atti unici in scena negli ambienti più significativi della loro vita. Millarcum aggiunge valore al racconto teatrale favorendo la riscoperta di siti monumentali.

Liliana Palermo racconta il Caravaggio di Stellato e Merolla.

Grande successo per “Caravaggio, ragnatela a luci ed ombre”… Ce ne parli?

“Il lavoro, scritto da Ilio Stellato e Maurizio Merolla, tratta dell’ultima notte di Caravaggio a Napoli ed è ambientato nella locanda del Cerriglio frequentata da Caravaggio e dagli artisti dell’epoca. Proprio in quella locanda il pittore fu vittima di un agguato. L’atmosfera è fortemente evocativa e lo stile è quello di un set cinematografico. La location è stata molto suggestiva: la sala del Lazzaretto dell’ex ospedale della pace.

Il pubblico ha risposto molto bene, è piaciuto questo recitare tra la gente, senza barriere, dove lo spettatore si è sentito parte del tutto”.

Dove porterete lo spettacolo?

“Ad aprile siamo stati al Pio Monte della Misericordia dove c’è la tela del Caravaggio, “Sette opere di Misericordia”. E’ stato molto emozionante per noi rappresentare lì questo lavoro. Dopo andremo a Terracina, a Palazzo Braschi, a Roma, sempre in siti monumentali e poi ancora … attendiamo delle risposte, chissà! Intanto gli autori sono già al lavoro per penetrare nel quotidiano e nelle emozioni di un antico e inquietante personaggio legato alla storia di Napoli, conosciuto in tutto il mondo. Infatti il filone non si fermerà alla trilogia D’Avalos, San Severo, Caravaggio ma procederà oltre”.

 

 

 

 

Categorie

Ultimi articoli

Social links

Notizie Teatrali © All rights reserved

Powered by Fancy Web