Conflitto insanabile

Redazione

Cinzia-Maccagnano in scena
Cinzia Maccagnano in scena

Inizia con un’immensa folla che saluta la nave Argo che sta salpandolo spettacolo Argonauti – Giasone e Medea da Apollonio Rodio, Valerio Flacco, Euripide, Strabone, nella drammaturgia di Maurizio Donadoni, in scena a Villa Imperiale Pausilypon di Napoli, domenica 3 agostoalle ore 21.30. Interpretato da Carlotta Bruni, Benedetta Capanna, Stefano Fardelli, Cinzia Maccagnano, per la regia e coreografia di Aurelio Gatti, rientra nella rassegna Teatri di Pietra in Campania 2014.Sarà un viaggio difficile e insidioso che mette in discussione le singole certezze. Mentre la nave si allontana dalla spiaggia, Orfeo leva in alto il suo canto‚ accompagnando il ritmo dei remi, che tagliano le onde azzurre del mare. E quando la polvere e il fumo cominciano a diradarsi‚ scarmigliato e lucido di sudore, appare Giasone. Permanente è la vicenda di Medea, sacerdotessa di Ecate, che, innamoratasi follemente di Giasone, tradisce il suo popolo, aiuta l’amato a rubare il sacro Vello d’oro e fugge con lui per poi essere, dopo alcuni anni, ripudiata a sua volta per un’altra donna.

Quando finalmente la nave Argo approda sulle coste elleniche, – spiega il regista

Medea
Medea

gli Argonauti si rendono conto che al termine di quell’avventura non portano con sé solo il prezioso e magico Vello d’oro‚ ma ognuno ha acquisito doni ben più grandi: la coscienza dell’essere e la conoscenza dell’ignoto. E’ una lettura che trascende il piano individuale per porsi invece come rappresentazione simbolica dell’incontro-scontro tra due culture diverse: da una parte il mondo arcaico, irrazionale e magico di Medea; dall’altra il mondo moderno, razionale e laico di Giasone. Dall’incontro di questi due mondi, agli antipodi fra loro, non può che nascere lo scontro. E si tratterà, nella fattispecie, di un conflitto insanabile, lontano da qualunque possibilità di sintesi”.

Categorie

Ultimi articoli

Social links

Notizie Teatrali © All rights reserved

Powered by Fancy Web