Danza e prosa al Campania Teatro Festival

Redazione

Nuovi appuntamenti con gli spettacoli del Campania Teatro Festival. Il 4 luglio 2023, alle ore 21.30 al Palco Grande della Villa Floridiana di Napoli, va in scena in prima nazionale “Whirling Ladder / Upright”. Coreografia e direzione artistica di Chun Zhang, performance di Ludovica Pinna, Francesca Pavesio, Enora Gemin, Nene Okada, Kyoko Oku, musica e suono di Kai Strathmann.

Lo spettacolo, che prende spunto da un antico mito cinese, è un vero e proprio viaggio poetico del corpo, che cresce dalla terra e danza con la forza primordiale. Nell’antico mito cinese, colei che crea gli esseri umani dalla terra è una dea della creazione: Nüwa. Mentre camminava lungo il Fiume Giallo, improvvisamente scoprì il suo riflesso nell’acqua. Decise di usare il fango del letto del fiume per scolpire figure simili alla sua. Nüwa soffiò sulle figure e fu così che la vita fu infusa in esse. I personaggi divennero piccoli, intelligenti e abili, esseri viventi in grado di camminare e parlare. Nüwa li chiamò “Ren”, che significa “umani”.

CTF. La coreografia di Chun Zhang

La postura eretta fa parte dello sviluppo umano. “Whirling Ladder / Upright” osserva da vicino questo processo unico di erezione della colonna vertebrale e la sua bellezza a volte divina, a volte animale, consentendo al pubblico di sperimentare il processo di formazione e incarnazione. Perché, come nota Chun Zhang, l’osservazione del movimento cambia la vita.

Una signora della scena come Angela Pagano, diretta da Antonio Marfella, condividerà invece con il pubblico del teatro Mercadante di Napoli alle ore 21 in prima assoluta “Il diario ritrovato”, uno spettacolo a cura di Francesco Scotto.

Se ci ripenso, il mio vero debutto avviene a 16 anni in un negozio di guanti di piazza dei Martiri”. Questo l’incipit che Angela Pagano ci consegna per raccontare di una straordinaria drammaturgia di artista e di donna. In realtà, quello è solo il primo luogo di rivelazione di un’attitudine. Il luogo, cioè, in cui la fibrillazione creativa, l’istinto improvvisativo, la determinazione caratteriale cominciano a far le prove col mondo dirimpetto, con tutto il pubblico possibile. L’andamento del racconto è rapsodico, duro, melodico, secco, pungente, si fa storia minuta e profonda, diventa storia comune e condivisa. Diventa la vita. Fin qui il romanzo, la letteratura, il diario, appunto, ma poi sarà parola ricordata, letta, detta, agita, ritrovata.

 

Categorie

Ultimi articoli

Social links

Notizie Teatrali © All rights reserved

Powered by Fancy Web