Decennale per la Corte

Maresa Galli

Una scena di "Amado mio"
Una scena di “Amado mio”

“Era il mese di novembre 2005, in quel luogo magico che era il Formicaio, lo spazio che Manuela Schiano Lomoriello gestiva nel cuore di Soccavo. 12 corti teatrali, tre per ogni fine settimana, accompagnati da gustosissimi piatti di pasta asciutta, innaffiati da vino a volontà: così si dava inizio alla nostra avventura, e già, perché, senza voler enfatizzare eccessivamente gli sforzi che pure abbiamo compiuto in questi dieci anni, La Corte della Formica è nata come una vera e propria scommessa, e questa decima edizione per noi rappresenta un traguardo insperato, una piccola vittoria”. Così spiega Gianmarco Cesario, direttore artistico dell’ormai storico Festival del corto ospitato anche dal Sancarluccio e dal Piccolo Bellini. E sottolinea, che la rassegna, prezioso osservatorio della drammaturgia contemporanea, intende rimanere piccola. Per il secondo anno consecutivo l’assessore alla Cultura del Comune di Napoli, Nino Daniele, sostiene “un’idea straordinaria, bella e originale, tra le più creative espresse da Napoli, grande fucina di talenti, che richiama a teatro tanti giovani. Ed è bello che questo decimo compleanno – afferma Daniele – giunga nel trentennale della scomparsa di Eduardo”. Annuncia l’imminente Scuola di Alta Formazione in una realtà magmatica fatta di tanti vivai che pullulano in una città grande fucina teatrale. Tra le novità di questa edizione il raddoppio della programmazione che passa a due settimane, dal 21 ottobre al 2 novembre, dal martedì al sabato (ore 21.30) e la domenica pomeridiana, per valutare i corti dal tema “Vincitori e vinti”. Parteciperanno molti vincitori delle precedenti edizioni (per le diverse sezioni) e, se i primi anni concorrevano quasi soltanto compagnie e autori/registi della Campania, ora si conta una massiccia partecipazione di partecipanti dalla Sicilia, Puglia, Toscana, Veneto, Lombardia che arricchiscono l’offerta creativa, lo sguardo giovane sul teatro. In giuria, anche quest’anno, i quattro storici presidenti: Lucio Allocca, Claudio Insegno, Carlo Cerciello e Gerardo D’Andrea. Tra i giurati storici Roberto Azzurro, Fortunato Calvino, Giovanni Meola, Francesca Rondinella, Angela Matassa, Paola De Ciuceis, Diletta Capissi, Antonio Mocciola ai quali si aggiunge una nuova rosa di attori e giornalisti. Il coordinamento è a cura di Claudio Finelli.

D’Andrea, già presidente del Positano Teatro Festival, spiega come spesso nel valutare i corti si trovi in minoranza nel giudizio finale (“io scelgo il meglio a mio gusto”, afferma con la consueta verve) ma gratificandosi nel presentarli nel corso di una speciale serata a Positano. Lunedì 10 novembre Gran Galà di premiazione presentato, alle ore 20, al Piccolo Bellini, da Titti Nuzzolese e Antonio Mocciola.

Cinque le categorie da premiare (Miglior Corto, Attore, Attrice, Testo e Regia) alle quali va aggiunto il Premio Giuria popolare assegnato da coloro che sottoscrivono l’abbonamento all’intera programmazione.

Calendario della terna dei corti in programma:

21/22 OTTOBRE

CANIS LUPUS – Non è una Favola

di Arduino Speranza e Cristian Izzo

regia Francesco Paolantoni

 

LA CURA DEL PONTE

di Mario Alessandro Paolelli

regia Mario Sorbello.

 

OLTRE LA STRISCIA

di Fabio Pisano

regia Fabio Pisano

 

23/24 OTTOBRE

AMADO MIO

di Massimo Stinco

regia Massimo Stinco

 

SONATA IRREGOLARE PER ANIME INQUIETE

Mozart & Salieri

di Massimo Smith e Maurizio Tieri

regia Maurizio Tieri

 

TRIPLETE

di Mauro Palumbo

regia Mauro Palumbo

 

25/26 OTTOBRE

HISTOIRE DE RIEN – Galleria semiseria di Ulisse mancati

di Adriana Follieri

 

NELLA SABBIA E PER LA SABBIA

di Lina Maria Ugolini.

regia Gianni Salvo

 

VINCITORI E VINTI

di Enrico Pittari

 

28/29 OTTOBRE

DEVOZIONE

di Mirko Di Martino

 

MISE EN PLACE

di Daniele Amendola e Pietro Pace

regia Daniele Amendola

 

VULESSE ‘O CIELO CA TURNASSE

di Raffaele Galiero

regia Giovanni Merano

 

30/31 OTTOBRE

I GIOCATORI

di Francesco Tammacco

 

LAMINORE

di GIOVANNI DEL PRETE

 

UNA DONNA INDIFESA

di Antonio Vladimir Marino

regia Roberto Ingenito

 

1/2 NOVEMBRE

LA SCELTA DEL CODIBUGNOLO

di Cosimo Lupo

 

Caroline Pagani

LUXURIÀS

di Caroline Pagani e Filippo Bruschi

regia Caroline Pagani

 

POMODORI CAMPBELL – Oggi tutti vogliono essere famosi per almeno quindici minuti

di Giovanna Pignieri

regia Lella Lepre

 

Categorie

Ultimi articoli

Social links

Notizie Teatrali © All rights reserved

Powered by Fancy Web