Disagio del vivere

Anita B.Monti

Una scena
Una scena

Ho scelto l’Enrico IV tra le opere di Pirandello perché parla di un attore. Di un uomo che finge la pazzia per evitare di vivere nel mondo reale”. Così Franco Branciaroli presenta la sua ultima regia, al secondo anno di tournèe, che arriva a Napoli al Teatro Bellini, dove debutta martedì 10 novembre. “Con I giganti della montagna è la mia preferita. – continua l’artista, in scena con Viola Pornaro, Giorgio Lanza, Antonio Zanoletti, Valentina Violo, Tommaso Cardarelli, Giovanni Battista Storti – Ho realizzato una messinscena simbolica, ambientata negli Anni Ottanta, anziché Trenta”.

Una storia in stile giallo, che si conclude con un omicidio, e che affronta il tema caro all’autore del rapporto, complesso e alla fine inestricabile, tra personaggio e uomo, finzione e verità.

Un uomo cade da cavallo e sviene mentre, in occasione di un ballo in maschera, era travestito da Enrico IV; lo shock gli fa perdere il senno, per cui si risveglia convinto di essere davvero il sovrano e per i vent’anni successivi, circondato dalla condiscendenza della famiglia che gli organizza intorno la “corte”, vive come se fosse davvero il Re.

Questo spettacolo rappresenta una nuova tappa del lavoro di ricerca che Branciaroli sta conducendo sui grandi personaggi. Dopo questo, sarà la volta di Macbeth. “Il più difficile, una grande sfida. – conclude l’attore – Spero di riuscire a rendere sulla scena la ‘terribilità’ del Re e dargli il ruolo primario che ha rispetto alla Lady, solitamente più in evidenza in tutte le messinscena che ho visti fino ad oggi”.

 

Categorie

Ultimi articoli

Social links

Notizie Teatrali © All rights reserved

Powered by Fancy Web