Figure che si specchiano e si capovolgono

Redazione

Tina Femiano
Tina Femiano

Affronta temi come la maternità, il dolore, l’amore Anime Dannate, lo spettacolo in scena l’11 (ore 21,00) e il 12 aprile (ore 18,00) al Nuovo Teatro Sanità di Napoli. Firmato anche per la regia da Riccardo De Luca (voce recitante), è interpretato da Tina Femiano, accompagnata da Francesca Fedeli. La drammaturgia si forma partendo da due celebri testi: L’altro Figlio di Luigi Pirandello e Filumena Marturano di Eduardo de Filippo. “Come non scorgere Pirandello, dietro i funambolici, machiavellici giochi di Filumena Marturano. – spiega De Luca – E come lei, anima dannata e potente madre è Maragrazia de L’altro figlio. Entrambe, prima come donne e poi come madri, sono in epico scontro con l’inferno”. Le due figure sono accomunate da una vita di stenti, in cui hanno patito molto e dalla loro condizione di esser madri, che le rende capaci di tutto. Le parole di una diventano quelle dell’altra, fino a confondersi, e le loro vicende si specchiano e si capovolgono.

Il racconto dolente è scandito dai canti di Sergio Bruni, che interagiscono drammaticamente con le protagoniste, le quali si alternano nel parlare con una voce fuori campo, con personaggi immaginati e con Ninfarosa, quasi un ironico alter-ego di Maragrazia.

 

Categorie

Ultimi articoli

Social links

Notizie Teatrali © All rights reserved

Powered by Fancy Web