I fantasmi di Molière

Redazione

Una scena
Una scena

Il 27 e 28 febbraio, Alfonso Paola porta sul palco del Nuovo Teatro Sanità di Napoli nella sua personale interpretazione Don Giovanni di Molière. Sarà lui l’unico attore in scena quale portavoce delle emozioni e degli stati d’animo dei personaggi più che di loro stessi. Una galleria di ritratti umani in cui lo spettatore può ritrovarsi o da cui può rifuggire. Nel suo spettacolo l’artista cerca di astrarre l’essenza di ciascuno e proiettarla in un tempo e in uno spazio indefiniti, ma sempre attuali.

«La messinscena del mio Don Giovanni è molto singolare, – spiega l’attore/regista – non è una riscrittura o un adattamento ma si tratta dell’opera originale di Molière, dove però tutti i ruoli vengono interpretati da un solo attore. I personaggi diventano stati d’animo che si contrappongono l’uno all’altro, a volte sostituendosi a volte integrandosi, proprio come può accadere in un sogno, un incubo o una visione. E proprio come succede in questi casi, l’ordine cronologico degli avvenimenti non ha nessuna importanza come non ha importanza lo spazio scenico che è concepito e organizzato nel maggior vuoto possibile. I fantasmi di Molière riemergono attraverso la sola forza interpretativa dell’attore che ne trasmette sentimenti e stati d’animo. La scrittura di Molière a distanza di secoli non perde la sua forza comunicativa e ognuno di noi può ritrovare qualcosa di sé nelle parole del leggendario protagonista».

 

Categorie

Ultimi articoli

Social links

Nuovo progetto

Notizie Teatrali © All rights reserved

Powered by Fancy Web