Il giornale notturno di Jan Fabre

Redazione

Jan Fabre di notte scrive e disegna e raccoglie le sue creazioni in una sorta di diario: The Night Writer. Il Museo e Real Bosco di Capodimonte e il Teatro Sannazaro di Napoli si uniscono nel suo nome e presentano il monologo dal 18 al 20 marzo 2022 lo spettacolo “The night writer. Giornale notturno”, interpretato da Lino Musella da lui diretto a teatro, e una Mostra nel Museo.

Il testo raccoglie, come in un flusso, i pensieri di Fabre sull’arte e sul teatro, sul senso della vita, sulla famiglia, sul sesso, sull’amore: dai vent’anni di un giovane di provincia, sino alla maturità dell’artista celebrato in tutto il mondo.
Come in una confessione, un mettersi a nudo con spregiudicatezza, con ironia e crudeltà, il copione raccoglie diverse pagine dei diari personali dell’autore, oltre a brani tratti dai suoi scritti per il teatro:‘La reincarnazione di Dio’ (1976),‘L’Angelo della Morte’ (1996), ‘Io sono un errore’ (1988), ‘L’imperatore della perdita’ (1994), ‘Il Re del plagio’ (1998), ‘Corpo, servo delle mie brame, dimmi…’ (1996), ‘Io sono sangue’ (2001), ‘La storia delle lacrime’ (2005), ‘Drugs kept me alive’ (2012).

“NSIT” (foto di Valeria Palermo)

Dal palco, volendo, si passa alle sale del museo. Nella sezione di arte contemporanea del Museo e Real Bosco di Capodimonte ci sono tre opere dell’artista fiammingo (Scarabeo stercorario sacro con ramo di alloro, 2016; Scarabeo stercorario sacro, 2016; Scarabeo stercorario sacro con riccio di pastorale, 2016) da lui donate nel 2020, successivamente alla mostra “Jan Fabre. Oro Rosso. Sculture d’oro e corallo, disegni di sangue” (30 marzo-15 settembre 2019). Per Fabre un ritorno nella Reggia-museo, dopo la Mostra “Jan Fabre. Naturalia e Mirabilia” (1 luglio 2017- 7 gennaio 2018) nell’ambito del ciclo di esposizioni “Incontri sensibili”, realizzata in collaborazione con Amici di Capodimonte onlus, un format con cui gli artisti contemporanei si confrontano con le collezioni storiche del Museo.

testo, scene e regia di  Jan Fabre, musica di Stef Kamil Carlens, drammaturgia di Miet Martens, Sigrid Bousset, traduzione di Franco Paris, disegno luci di Jan Fabre, direzione tecnica di Marciano Rizzo, fonica di Marcello Abucci.

INFO

Sconti all’ingresso per chi presenta al botteghino il biglietto del Museo

 

Categorie

Ultimi articoli

Social links

Notizie Teatrali © All rights reserved

Powered by Fancy Web