Il Primo, stagione 2015/2016

Anita B.Monti

Rosario Ferro
Rosario Ferro

Inaugura la stagione 2015/2016 con la comicità di Rosario Ferro il Teatro Il Primo di Napoli, che spazia fra tutti i generi, accoglie le nuove generazioni e promuove varie iniziative.

Il 16 ottobre Ferro, fondatore della sala dei Colli Aminei, propone con la sua compagnia, intitolata a Bianca Sollazzo, “‘O Scarfalietto” di Eduardo Scarpetta. L’attore come sempre accompagnerà anche le feste natalizie (dal 16 dicembre al 17 gennaio 2016) con “Senza corna non si cantano messe”. Una vocazione la sua, erede d’arte, che continua la tradizione napoletana comica, rivedendo o reinventando i classici. Tornerà poi dal 4 al 20 marzo con “Viagra”, una commedia moderna scritta da Angelo Rojo Mirisciotti.

Il programma prosegue con “Un curioso accidenti” di Carlo Goldoni, con Michelangelo Ragni e Ciro Discolo, regia di Francesco Sisto (dal 6 all’8 novembre). “Scacco matto in 5 mosse”, un rompicapo scritto e diretto da Salvatore Maiorino (dal 13 al 15 novembre). “In viaggio con Papele”, omaggio a Viviani, per la regia di Roberto Giordano (dal 20 al 22 novembre). A dicembre (dal 4 al 6 )sarà in scena il direttore artistico, Arnolfo Petri nei panni di un Pulcinella “totem” in “Sarabanda a tre voci”, scritto, diretto e interpretato da Lucia Stefanelli Cervelli, con la partecipazione di Rosario Ferro.

A gennaio 2016 si cambia genere con “Ccafe’ e babba’… sulo a Napule ’o ssanno fà!” dal 22 al 31, varietà di Luciano Capurro. Dal 5 al 7 febbraio la novità “Sull’amore e sul dolore. Gli ultimi giorni di Miranda Reys” di Arnolfo Petri, che ne è protagonista con Lucia Stefanelli Cervelli. Niko Mucci ripropone il suo “Visite”, una riflessione sull’amore e sulla solitudine, in cartellone dal 12 al 14 febbraio. Ad aprile una beniamina del pubblico: dall’8 al 15 Rosaria De Cicco interpreta “Regine”, testi di Giuseppe Bucci (anche regista), Francesca Gerla, Pino Imperatore, Arnolfo Petri, Chiara Tortorelli; dal 15 al 17 si ispira a Molière Enzo Arciè con “Il malato immaginario”.

Conclude la programmazione ufficiale il giovane gruppo vincitore della passata edizione di “Sipari d’Emergenza”: dal 22 al 24 aprile presentano “Senza il perdono siamo selvaggi” di Giuseppe Fiscariello.

Arnolfo Petri
Arnolfo Petri

Ma tante altre iniziative arricchiscono la proposta del Teatro dei Colli Aminei: dai “Giovedì del mistero” aperi-cena col giallo, al “Sabato musicale” di Ilva Primavera, dalla rassegna “Ad est del mondo”, dedicata a teatri e storie di orizzonti vicini, alla rassegna “Vesuvio Underground”, tutti i suoni di questo mondo, diretta da Andrea Bonetti.

Teatro di parola, intesa come “riappropriazione della verità” tanto cara ad Arnolfo Petri, autore anche di romanzi e sillogi poetiche. In un momento fatto di “nuovi volgarismi”, di “colpevoli silenzi e assenze”, il teatro Il Primo continua il suo percorso quasi ventennale senza demordere, tentando di non cedere – come dicono Petri e Ferro – alla “civiltà del nulla”.

Categorie

Ultimi articoli

Social links

Notizie Teatrali © All rights reserved

Powered by Fancy Web