Irina Brook: la vita nel teatro, il teatro nella vita

Redazione

Figlia d’arte (il padre era Peter Brook, la madre l’attrice Natasha Parry), Irina Brook esplora la propria biografia attraverso le parole di Cechov e propone un’interessante riflessione sul teatro, inteso come laboratorio dei sentimenti: «Il gabbiano – dichiara Irina Brook – parla del nostro mestiere con tutto l’amore appassionato e la crudeltà disperata che può suscitare».

Lo spettacolo Seagull dreams. I sogni del Gabbiano è in scena al Teatro Mercadante di Napoli fino a domenica 17 dicembre 2023, nel ruolo di Arkàdina, la protagonista, c’è Pamela Villoresi. Con lei recitano Geoffrey Carey, Giuseppe Bongiorno, Vincenzo Palmeri, Monica Granatelli, Giorgia Indelicato, Giuseppe Randazzo, con la partecipazione in video di Miguel Gobbo Diaz. Le scene e i costumi sono firmati dalla stessa Irina Brook, le luci da Antonio Sposito.

La regista trasporta la vicenda de Il gabbiano in un contesto realistico – dagli anni ’70 ai giorni nostri proiettati verso la metarealtà – mischiando i ricordi personali e le esperienze di vita degli interpreti alle aspirazioni e ai desideri della nuova generazione di giovani attori e attrici. La passione per il palcoscenico, l’impegno, il gioco, il desiderio di proiettare la vocazione teatrale nel futuro, includendo le nuove tecnologie, ma anche le umiliazioni, le incertezze, il nomadismo.

Pamela Villoresi e in video Miguel Gobbo Diaz foto di Rosellina Garbo)

Attraverso i testi e le emozioni della mitica commedia di Cechov, – dichiara – continuo a sviluppare i temi legati al rapporto tra “Vita e Teatro”: la vita nel teatro, il teatro nella vita. Il gabbiano parla del nostro mestiere con tutto l’amore appassionato e la crudeltà disperata che può suscitare. Al centro ci sono i temi ineludibili del successo e del fallimento, la necessità di vivere una vita di creatività, e la più distruttiva delle malattie avvertite dagli artisti: il bisogno dell’approvazione.

Per questa nuova esplorazione, sono felice di ritrovarmi con i giovani attori e attrici della Scuola di Teatro del Biondo, oltre che con la grande attrice Pamela Villoresi e il mio attore iconico Geoffrey Carey. È un’opera che ci conduce in un emozionante viaggio a ritroso e in avanti, tra la narrazione dell’opera e reinvenzioni più contemporanee, che si aprono su un mondo onirico, abitato da memorie personali”.

 

Categorie

Ultimi articoli

Social links

Notizie Teatrali © All rights reserved

Powered by Fancy Web