Ma Dio è donna?

Anthea Principe

Antonella Morea
Antonella Morea

Una nuova rassegna è promossa dal Nuovo Teatro Sancarluccio di Napoli. S’intitola Girls ed è dedicata all’universo femminile. Curata da Gianmarco Cesario e Tiziana Beato, comprende dieci spettacoli su personaggi esistiti, icone dello spettacolo, tradizione e viaggi per un cartellone che si apre il 10 marzo e si chiude l’1 aprile. In programma: “Sporte ‘e nummere e caurare ‘e stelle” di Roberta Frascati. “Due donne convivono e si chiedono qual è il senso della vita e del loro incontro, esplorando antichi misteri”. Forte della sua esperienza di “turista” televisiva, Syusy Blady presenta “Misteri per caso. Ma Dio è nato donna?” (12 e 13). Immersa in un mappamondo virtuale, con musica e balli dal vivo, racconta venti anni di viaggi, dialogando con Dee Madri, saggi del passato ed extraterrestri. Il 14 e 15, il primo ritratto. Con “… io la canto così” Antonella Morea presenta il suo “omaggio a Gabriella Ferri”, per la regia di Fabio Cocifoglia. “Volevo essere come lei da ragazza, – spiega – cercavo di somigliarle anche negli abiti. La racconto attraverso i suoi scritti, le memorie, i libri. Le sue canzoni”.

Daniela Fiorentino
Daniela Fiorentino

Da una ricerca antropologica delle tradizioni popolari del Sud Italia, nasce “Janara” (17-18 marzo) di Giovanni Del Prete, scritto in napoletano antico, con Francesca Iovine, Silvia Del Zingaro, Vincenzo Oliva. Il 19 e 20 va in scena “Simone”, da un’idea di Gigliola de Feo, uno spettacolo su Simone de Beauvoir attraverso le sue parole. Un altro personaggio reale (21 e 22) è “Artemisia”, la Gentileschi, pittrice seicentesca, poco ricordata, vittima di uno stupro, episodio che la perseguitò per sempre. Da un testo di Itzar Pascual Ortiz, Licia Amirante trae “Penelope Tango” sul senso dell’attesa. Il 26 e 27, Daniela Fiorentino in “Je chante Piaf” nel centenario della nascita, incarna un’artista dalla vita incredibile. “Canto la sua umanità, il suo grido di dolore verso coloro che l’abbandonarono”. Segue “Vetiver, essenze di una profumiera”, dedicato alla vera creatrice: Mona Di Iorio, con Melania Esposito il 28 e 29. Chiude (31 marzo e 1 aprile) “Donne eLementi”: canzoni, storie e frammenti di film, attraverso aria, acqua, fuoco, terra, con Antonella Ippolito e Renato Salvetti.

L’abbonamento a tutti gli spettacoli costa cento euro, sessanta per cinque a scelta.

Categorie

Ultimi articoli

Social links

Notizie Teatrali © All rights reserved

Powered by Fancy Web