Monologo porno

Redazione

Tonino-Napoli: O a O. Non è il risultato di una partita ma “un monologo comico, caleidoscopio, ma soprattutto pornografico”.

Agostino Chiummariello
Agostino Chiummariello

Lo spettacolo, su testo di Roberto Russo, sarà in scena al Nuovo Teatro Sanità di Napoli, dal 24 al 26 gennaio. E’ certamente “porno” entrare in anfratti angusti, oscuri (urologici/ginecologici/esistenziali) che coincidono con il massimo scandalo: dire, dopo un’intera vita, la propria verità. Un “Signor Qualunque”, d’improvviso, si rende conto di aver vissuto la vita di un altro, di aver parlato o pensato con le parole e i pensieri degli altri. Da questa consapevolezza, che si sostanzia nel “clamoroso” gesto di barricarsi sul terrazzo del proprio condominio insieme a un malcapitato immigrato rumeno, si dipana un racconto fatto di rabbia, frustrazione e, nel contempo, di un’amarezza che sconfina nella comicità più spinta. “Tonino, – spiega Roberto Russo – personaggio a metà fra Gogol e Scarpetta, comprende di aver atteso per una vita un evento o un’occasione che dessero un senso alla propria esistenza. Costretto nella quotidianità ad assumere un profilo basso e grigio, invoca un attacco kamikaze sul proprio palazzo nella Napoli di oggi fra le sue quotidianità altrettanto grottesche e contraddittorie. Tonino-Napoli si pone come simbolo di un periodo di grandi incertezze personali e sociali, nei confronti delle quali, l’unica panacea è l’individuazione di un nemico al quale addossare la responsabilità dei propri fallimenti”.

Con Agostino Chiummariello (che cura la regia), la partecipazione di Antoine in “Meravigliosa Citta” e alla fisarmonica Vittorio Cataldi.

Categorie

Ultimi articoli

Social links

Notizie Teatrali © All rights reserved

Powered by Fancy Web