Naples in the World

Anita B.Monti

Giuseppe Mascolo con Sebastiano Somma
Giuseppe Mascolo con Sebastiano Somma

Intende riconoscere artisti e personalità di spicco nati a Napoli, che si sono distinti in tutte le arti e in tutti i generi. Anche quest’anno torna il Premio Naples in the World, voluto e promosso da Giuseppe Mascolo, nella splendida Ravello, posta a picco sulla Costiera Amalfitana. Una località nota nel mondo, città d’arte e di spettacolo, che per il diciottesimo anno accoglie la manifestazione, che si è tenuta ieri nel Best Western Hotel Marmorata, suggestivo albergo sorto in una vecchia cartiera.

Nella bella serata, l’evento ha visto sfilare molti nomi noti al pubblico di tutte le età e agli appassionati di teatro, musica, danza, televisione e cinema. Generazioni diverse unite nel nome dello spettacolo e del talento che si affiancano alle decine di coloro che li hanno preceduti negli anni.

Hanno ricevuto il riconoscimento per il 2015, Sebastiano Somma, Enzo Moscato, Bruno Colella, Eugenio Bennato (assente alla premiazione).Con loro, i più giovani Imma Villa, Carmen Pommella, Alessandra Borgia, impegnati in un lavoro di innovazione e ricerca sui testi e sugli stili. Mentre Orazio Cerino e Davide Sacco sono stati premiati per l’impegno sociale e drammaturgico per il progetto in versione dark del “Condannato a morte” di Victor Hugo.

Per la musica, sono saliti sul palco Virginia Sorrentino per il jazz, Stefano Giuliano (al sax), Massimo Masiello.

Anche il giornalismo ha espresso una voce: la giovane Emma Di Lorenzo.

Ancora uomini di cultura come Alfonso Andria e Pino Acolla, e il premio collettivo all’acclamato “Amalfi musical”. Premiato anche il sindaco di Ravello Paolo Vuilleumier, che ha sostenuto l’evento con entusiasmo.

E il patron Peppe Mascolo ha voluto chiudere il momento della premiazione proprio con Enzo Moscato, esponente della nuova drammaturgia napoletana, innovatore anche nel linguaggio drammaturgico, insignito di un premio alla carriera, in un anno straordinario in cui è stato acclamato come autore per “Scannasurece”,uno dei suoi primi testi, messo in scena da Carlo Cerciello e interpretato da una straordinaria Imma Villa; nonché della Carmen, diretta da Mario Martone, in una felice tournée.

 

 

 

 

 

 

 

Categorie

Ultimi articoli

Social links

Notizie Teatrali © All rights reserved

Powered by Fancy Web