Il fascino perverso del Male

Il fascino perverso del Male

Sarà presentato mercoledì 17 gennaio, alle ore 18.00, alla Libreria Mooks di Napoli (in Piazza Vanvitelli) il romanzo Acque torbide di Monica Florio (Edizioni Cento Autori). Con l’autrice, interverranno Anna Copertino, Angela Matassa e Mariarosaria Riccio.  

LA VICENDA

Michele è un ragazzino intelligente e intuitivo ma, a causa dall’aspetto un po’ singolare – è basso, grassottello e con gli occhiali –, viene preso di mira dai coetanei che lo chiamano Polpetta. Quando scopre il legame tra la sorella Valentina e l’istruttore di nuoto, un pedofilo seriale, decide nonostante la fobia per l’acqua, di iscriversi in piscina. Guidato dall’intuito, Michele cerca di mettere in guardia Valentina dal suo seduttore ma, al tempo stesso, decide di non rivelarlo ai genitori e di mantenere il segreto.

Alla fine, quando tutto sembra essersi risolto e il passato non è più fonte di turbamento, un altro mostro, altrettanto pericoloso, tenterà di colpire Michele negli affetti più cari. “Questo romanzo young-adult – dichiara l’autrice – esplora la pedofilia che colpisce gli adolescenti, sottovalutata ma altrettanto pericolosa perché basata sul plagio”.

 

L’AUTRICE

Monica Florio, napoletana, è una giornalista e operatrice culturale. Scrive di disagio giovanile, infanzia negata e omofobia. Ha pubblicato il saggio “Il guappo – nella storia, nell’arte, nel costume” (Kairòs Edizioni, 2004), la raccolta di racconti “Il canto stonato della Sirena” (Ilmondodisuk Libri, 2012) e il romanzo “Puzza di bruciato” (Homo Scrivens, 2015). È autrice dei romanzi di narrativa scolastica “La rivincita di Tommy. Una storia di bullismo omofobico” (La Medusa Editrice, 2014) e “Ragazzi a rischio. Una nuova avventura per Tommy” (La Medusa Editrice, 2016).

“Acque torbide” di Monica Florio

Edizioni Cento Autori

pp. 190, euro 12.00

Collana Storie per crescere

diretta da Pina Varriale

 

Share