A cena con l’assassino

A cena con l’assassino

Una suggestiva cornice per l’annuale rassegna Brividi d’Estate 2018, nata da un’idea di Annamaria Russo. Sul palcoscenico naturale dell’Orto Botanico di Napoli si svolgeranno spettacoli teatrali, musicali e giochi. Nella seconda settimana (da mercoledì 4 a lunedì 9 luglio 2018) sono in programmazione cinque appuntamenti di cui quattro spettacoli in scena e l’originale format la Cena con Delitto.

Mercoledì 4 luglio va in scena lo spettacolo Era mio Padre da Osvaldo Soriano, con Paolo Cresta e Zac Alderman. Un’epopea romantica e drammatica, in cui l’autore rispolvera il ricordo del padre. Un atto d’amore verso la memoria di chi ha continuato negli anni a vivergli dentro. Un viaggio struggente alla ricerca del senso della vita e delle cose.

Giovedì 5 luglio toccherà a Il gabbiano Jonathan Livingston di Richard Bach, con Nico Ciliberti, Francesco Desiato e Giacinto Piracci, la storia di un gabbiano che scopre la bellezza di librarsi nel cielo, di poter volare non per procurarsi il cibo, ma per andare alla ricerca della libertà. Piccolo e anticonformista, il Gabbiano Jonathan Livingston, riesce a intravedere una nuova via da poter seguire, una via che lo allontana dalla banalità e dal vuoto della vita del suo stormo.

Venerdì 6 luglio, il primo appuntamento con Cena con Delitto. Il format anglosassone, importato da Il Pozzo e il Pendolo diciassette anni fa, segue questi punti: la fusione tra il teatro ed il gioco, l’utilizzo del modello d’indagine deduttivo, l’interazione tra il pubblico e gli attori, l’ossequio alla regola della credibilità.

Sabato 7 luglio (in replica domenica 8), la rappresentazione di Processo ad una strega di Annamaria Russo, con Marianita Carfora, Paolo Cresta, Bruno Minotti, Andrea De Rosa, Ramona Tripodi, Renato De Simone e l’Ensamble strumentale e vocale Musica Reservata. Un testo tratto dagli atti di un processo del Santo Tribunale dell’Inquisizione. Uno spettacolo, che parte dalla storia buia del ‘600, per raccontare la storia eterna del pregiudizio che diventa follia.

Roberto Azzurro in scena

Lunedì 9 luglio, Roberto Azzurro sarà interprete e regista di Per oggi non si cade di Manlio Santanelli. Un torrenziale avvicendarsi di episodi, che vedono i cittadini napoletani sperimentarsi per un’intera giornata con un insolito fenomeno naturale, ossia la sospensione temporale della forza di gravità.

 

Share