Al via il “Napoli Horror festival”

Al via il “Napoli Horror festival”

E’ stata presentata, presso la libreria Feltrinelli di piazza de’ Martiri a Napoli, la prima edizione del “Napoli Horror Festival”, che avrà luogo dal 13 al 15 settembre all’Ex Base Nato di Bagnoli, organizzato dalla Cooperativa Mestieri del Palco in collaborazione con la Compagnia CRASC. Beatrice Baino, project manager della cooperativa, ideatrice e direttrice artistica del festival, spiega come la manifestazione sia dedicata al tema della paura, sentimento ancestrale che genera arte. Non a caso il logo è una stilizzazione dell’amigdala, ghiandola del sistema limbico che gestisce le emozioni e dunque la paura.

Letteratura, cinema, arte visiva, arte di strada, percorsi emotivi e sensoriali accoglieranno il pubblico per questa prima edizione, anticipata dalla “Parata Zombie” dell’8 giugno, gioiosa invasione di oltre duecento comparse truccate che hanno percorso via Toledo. Alla conferenza, animata dalla silenziosa presenza di Samara, sono intervenuti Giorgio Rosa, presidente della Cooperativa Mestieri del Palco, il giornalista e scrittore Marco Perillo, che ha sottolineato il legame di Napoli con il mondo dei defunti, con l’esoterico, con il mito, lo scrittore autore, regista, Massimo Piccolo, che premierà i vincitori del Concorso letterario e presenterà alla kermesse il suo nuovo libro, la scrittrice e influencer Anemone Ledger, Orazio De Rosa, direttore artistico della compagnia teatrale “Baracca dei Buffoni” e ancora tanti altri protagonisti dei numerosi eventi della tre giorni che propone, quotidianamente, due mostre, quattro performance, la proiezione di due film, un concorso, incontri e dibattiti.

Ospiti: Massimiliano Gallo, Sergio Stivaletti, professor Sergio Brancato, professor Giuseppe Limone, Marco Perillo, Massimo Piccolo, Gennaro Varavallo, Nicola Guarino, Baracca dei Buffoni, Artgarage, Daniele Misischia, Francesco Prisco, Anna Ceprano, Cristiano Ciccotti, Claudio Camilli, Federico Frusciante, Giuseppe Colella, Anemone Ledger, Campo 77.

La grande arte ispirata dalla paura ha generato capolavori del cinema quali “Psyco” di Alfred Hitchcock e “Shining” di Stanley Kubrick, grande letteratura, arte visiva, musica e quant’altro la creatività riesca ad inventare.

Il Festival premia gli appassionati del genere attraverso il concorso letterario. I vincitori del contest per il Miglior Cosplay Horror, inoltre, potranno vincere un weekend per due persone in Transilvania. Tra le novità, le mostre “L’horror negli anni 50/60”, a cura dell’Associazione Nuovo Cinema Paradiso, con locandine e poster originali dei film di genere degli anni ‘50 e ‘60 a cura di Alberto Bruno; “Il senso dell’orrore”, in collaborazione con Archigraf, un percorso tra le opere di Artemisia Gentileschi, Goya, Francis Bacon, Shain Erin e tanti altri, a cura di Susy Penna; “Vrenzole e Horror – un surreale viaggio a fumetti”, esposizione di tavole originali del fumetto 47 Dead man Talking by Artsteady- CartaStraccia Comics, con ospiti gli autori dei fumetti; “Auto funebri che passione”, una selezione di auto funebri d’epoca del Museo di auto funebri di Atripalda – onoranze funebri Sandrino Russo, a cura di Agostino Fasulo. E ancora videoproiezioni, performance e spettacoli, animazioni e altre sorprese, come il Jumpscare Tunnel per gustare un percorso emotivo. E, per il pubblico della conferenza, offerto un buffet “mostruoso” con mani, occhi, cervelli in bella mostra, buoni… da morire!

 

 

Share