Elegante e poetico Hotel Gagarin

Elegante e poetico Hotel Gagarin

Hotel Gagarin è un elegante film del 2018, primo lungometraggio del regista Simone Spada, già aiuto in molti film di successo e autore di numerosi corti pluripremiati.

Cinque italiani, senza una lira, stanchi della propria vita piatta e insulsa, accettano una strana proposta da uno scaltro e sedicente produttore cinematografico che riesce a cogliere un finanziamento europeo per un film che come tema deve avere l’Armenia. Il film che non si farà mai, si rivela dopo poco una truffa ai danni di tutta la troupe che rimane bloccata in un magico inverno armeno in un surreale albergo costruito ai tempi dell’Unione Sovietica in mezzo al nulla.

Ben presto, si rendono conto di essere stati truffati ma le cose si complicano a causa di problemi confinari. Superato lo sgomento iniziale, spinti dal Professore (un grande Battiston) decidono di girare veramente un film con la partecipazione della popolazione locale, che partecipando alla realizzazione della pellicola, vuole realizzare i più infantili sogni. I nostri personaggi, infatti, riescono a trovare una spensieratezza e una gioia mai percepite.

Spada riesce a creare, senza cadere nel patetico e nello scontato, un finale favolistico e poetico che chiude molto bene il film. Bravi tutti gli attori nelle loro caratterizzazioni, mai fuori le righe. Semplicemente, il film “funziona”.

Da vedere, disponibile in streaming in rete.

 

Simone Spada (Torino 1973). Ha frequentato un corso presso la VSC Film School di Los Angeles. Dal 2000 ha iniziato a lavorare come aiuto regista con Claudio Callipari, Edoardo De Leo, Leonardo Pieraccioni, Claudio Amendola, Gabriele Mainetti (Lo chiamavano Jeeg robot).

 

Hotel Gagarin – commedia, 93’ – 2018

Regia: Simone Spada

Cast: Claudio Amendola, Luca Argentero, Giuseppe Battiston, Silvia D’Amico,

Barbara Bulova, Philippe Leroy, Tommaso Ragno.

Giancarlo Giacci

Share