I Quartieri si accendono di jazz

I Quartieri si accendono di jazz

Il concerto di Maresa Galli e Bruno Persico ha chiuso la programmazione estiva delle iniziative musicali targate FoquSound programmate presso La Corte dell’Arte e curate da Giulio Di Donna. Tanta buona musica live con i migliori cantautori e musicisti della scena campana e la formula food, tra ristorante, pizzeria e lounge bar, sono la cifra stilistica della Fondazione Quartieri Spagnoli – Foqus.

Il duo Galli-Persico, composto da due artisti di lungo corso, regala un elegante concerto di celeberrimi standard di jazz intercalati da brani originali dei due musicisti, autori, compositori, capaci di spaziare dal duo in acustica alle big band, dal classico trio all’orchestra. Maresa Galli, già in formazione con i migliori jazzisti italiani, al fianco di Romano Mussolini e dei suoi favolosi ensemble, in concerto nei più prestigiosi teatri e negli storici Murat, City Hall e Otto Jazz Club, vincitrice del Premio Internazionale Città di Pomigliano d’Arco, alterna la scrittura al canto. La sua canzone “Uffa!”, scritta con Brunello Canessa, è un divertente e orecchiabile swing. La sua “Snow”, scritta con Bruno Persico, è un raffinato modern standard. Unisce stile e divertimento, swing e melodia con voce calda e vibrante.

Bruno Persico, tanti album, premi e concerti internazionali all’attivo, alterna l’attività concertistica con quella didattica del Centro Formazione Musicale di Napoli. Molteplici sono le sue composizioni, trascrizioni e rielaborazioni per diversi ensemble fino alla Big Band e l’orchestra Sinfonica. Come direttore d’orchestra attualmente collabora con la Nuova Orchestra Scarlatti. Come docente di Pianoforte e Musica d’Insieme, ha vinto con i suoi allievi più volte il primo premio in numerosi concorsi.

Arrangiatore e interprete del cd della Galli, “All of me”, ha massimo interplay con la vocalist. Pianista di eccezionale caratura, decano del jazz, alterna con tocco elegante musica jazz e classica. Al pubblico regala brani intensi, ora ballad ora swing ora latin con virtuosismo e passione, intrecciando richiami a melodie napoletane in celebri standard americani. La vocalist intercala chiaroscuri e acuti, con maestria di fine scuola lirica, trasmettendo, calore ed emozione. Il jazz è insieme rigore e libertà, serietà e divertimento, struttura e improvvisazione dettata dall’emozione del momento. Il pubblico lo percepisce e chiede il bis portando il tempo sul blues. Un repertorio “classico”, importante, raccontato dai musicisti con leggerezza e infinita passione.

Gabriella Diliberto

 

 

 

Share