Indie Rock alle falde del Vesuvio

The Shaknspear

The Shaknspear

The Shak & Speares, band made in Pompei, si forma nel 2010 nella Marlowe’s House nelle campagne vesuviane. Di casa al Duel:beat club di Napoli che propone la migliore realtà indie contemporanea, i fratelli dell’indie approdano al Neapolis Festival 2011 con Skunk Anansie, Mogwai e Architecture In Helsinki. Collaborano con la FreakHouse Records e con la Happy Mopy Records. Al Mono Studio di Milano  registrano, in collaborazione con la “SAE Institute” e “Gagstar”. Lo scorso anno inizia la collaborazione con il video-maker Michele Pesce, lanciando tre video-singoli che catturano l’attenzione del pubblico: “Zoolander” convince la critica e i fan. Nel 2012 tornano al “Neapolis”, nel Giffoni Film Festival. Dividono il palco con artisti del calibro di Dinosaur Jr., Il Teatro degli Orrori e Blonde Redhead. Il videoclip del secondo singolo, “Stay Foolish Stay Groupie”, viene presentato in esclusiva su Rockit.it mentre il terzo singolo, “Gipsies on the cars”, apre la compilation di Rockit.it e anticipa l’uscita del debut-album, “Gagster”, (FreakHouse Records ed Happy Mopy Records,distribuzione Audioglobe/Belive digital). Tornano di diritto al Neapolis, edizione 2013, con il loro gipsy punk acustico, il loro country dal sapore vesuviano e british, le chitarre travolgenti di Marc Ribot, tra tarantelle e goliardia giocata in salsa rock. Da non perdere.

Share