Pat Metheny

Pat Metheny

Pat Metheny

Pat Metheny

Pat Metheny è nato a Kansas City nel 1954, in una famiglia di musicisti. A otto anni inizia con la tromba ma pochi anni dopo passa alla chitarra. All’età di quindici anni suona già regolarmente con i migliori jazzisti di Kansas City. Irrompe sulla scena internazionale nel 1974: nel corso dei suoi tre anni di militanza nella band del grande vibrafonista Gary Burton, Pat mostra i primi tratti di un inconfondibile stile in cui scioltezza e articolazione del linguaggio si fondono con una sensibilità ritmica e armonica molto avanzata, dando forma ad un approccio moderno nella concezione, ma anche profondamente radicato nella tradizione della melodia jazz, swing e blues. Durante la sua carriera, Metheny ha continuato a ridefinire il genere, utilizzando nuove tecnologie e lavorando costantemente per sviluppare il potenziale sonoro del proprio strumento.

La sua versatilità non ha eguali. Nel corso degli anni, Pat ha suonato con artisti molto diversi fra loro, come Steve Reich, Ornette Coleman, Herbie Hancock, Jim Hall, Milton Nascimento, Charlie Haden, David Bowie, Michael Brecker, Brad Mehldau, Pino Daniele e molti altri.

Da trentacinque anni si dedica alla composizione dei brani del Pat Metheny Group con il tastierista Lyle Mays; un sodalizio, il loro, che è stato paragonato a quelli di Lennon-McCartney e Ellington-Strayhorn. Oltre a essere un musicista di valore, Metheny si è dedicato all’insegnamento musicale.

A diciannove anni, è diventato il più giovane insegnante presso il Berklee College of Music, dove, venti anni dopo, ha anche ricevuto un dottorato onorario. E’ stato anche un vero pioniere musicale nel campo della musica elettronica ed è stato uno dei primi musicisti jazz a fare un uso sistematico dei sintetizzatori. Inoltre, ha svolto un ruolo fondamentale nello sviluppo di diversi nuovi modelli di chitarre.

Pat ha ottenuto numerosi riconoscimenti nel corso degli anni e ben venti Grammy Awards in varie categorie: Best Rock Instrumental, Best Contemporary Jazz Recording, Best Jazz Instrumental Solo, Best Instrumental Composition e Best New Age Album.

Il Pat Metheny Group ha vinto – fatto senza precedenti – sette Grammy per sette album consecutivi. Dal 1974 Metheny ha trascorso gran parte della propria vita in tour, con una media molto alta di spettacoli all’anno. Nel 2013 è stato inserito nella Hall of Fame, dove figurano, dal 1952 a oggi, solo altri tre chitarristi jazz: Charlie Christian, Django Reinhardt e Wes Montgomery.

Share