“Re-genesis II”, mostra di Jeong-Yoen Rhee

“Re-genesis II”, mostra di Jeong-Yoen Rhee

Fino al 6 ottobre 2022 è possibile visitare, alla Casina dei Mosaici di Villa Favorita ad Ercolano, “Re-Genesis II Act”, la mostra dell’artista coreana Jeong-Yoen Rhee che si avvale del Matronato concesso dal Museo Madre.

A quasi due anni dalla prima personale a Napoli, Re Genesis torna, ancora una volta su impulso di Ken Kim per Kips Gallery New York, in una formula rinnovata, ospite della Fondazione Ente Ville Vesuviane. Magico scenario per la personale, la Casina è decorata da mosaici realizzati con scaglie di madreperla e porcellana provenienti dal Real Laboratorio di Capodimonte.

Jeong-Yoen Rhee è unica, per la capacità di dipingere senza pennello, mescolando i colori con la mano e stendendoli con il dito indice, creando in tal modo composizioni ricche di grazia, impalpabili che rivelano la pratica zen, la meditazione, la ricerca della spiritualità dell’artista.

Un’opera in mostra

La sua pittura – spiega la curatrice, Paola de Ciuceis – è un vero inno alla natura dalla quale, in uno con la religione, l’artista trae un messaggio di speranza e conforto al caos della contemporaneità. Jeong-Yoen Rhee è una delle più influenti personalità contemporanee, espressione di quella generazione di artisti coreani che hanno vissuto tra Occidente e Oriente sviluppando un dialogo tra i due mondi ed una sintesi dell’incontro tra il nostro modernismo e il loro spiritualismo. Il fascino del luogo avrà la sua parte nel far risplendere le opere di Jeong-Yoen Rhee mettendole a confronto con i mosaici borbonici. Per molti napoletani sarà anche l’occasione per conoscere un sito di grande interesse storico artistico che raramente viene visitato.

La particolarità dell’artista è anche quella di dipingere solo con materiali naturali tra i quali la creta, la cenere vulcanica, la polvere di carbone e di oro, il guscio d’uovo, il bambù, la madreperla e l’argilla rosa che richiama i mosaici che affrescano la Casina di Ercolano. Oriente e Occidente, modernità e ricerca spirituale dialogano nell’arte ispirata alla natura e che alla natura invia il suo messaggio di armonia universale, metafora di una nuova genesi ancora possibile e auspicabile.

La mostra, il cui catalogo è realizzato da Editori Paparo, è ad ingresso libero, dal lunedi al sabato, dalle 10 alle 17 (per informazioni contattare il numero 0817322134).

 

 

 

Share