Scompare un gigante della musica

Scompare un gigante della musica

Il coronavirus ha portato via “un gigante della musica e un insegnante, ma anche un grande papà”, come afferma il celebre sassofonista Branford Marsalis che annuncia la dipartita del padre, il pianista Ellis Marsalis Jr. Per il sindaco di New Orleans, LaToya Cantrell, “Ellis Marsalis era una leggenda, un’icona, il simbolo di quello che intendiamo quando parliamo del jazz di New Orleans”, la città che gli diede i natali nel 1934.

Ellis Marsalis era padre anche del famoso trombettista Wynton, del trombonista Delfeayo, del batterista Jason. Quattro dei suoi sei figli hanno seguito le orme del padre, che ha trasmesso loro il fuoco ardente della musica jazz. Ellis esordisce come sax tenore, per poi specializzarsi come pianista alla Dillard University di New Orleans. Dal suo primo lavoro, “The Groovy Boys”, di cinquant’anni fa, ne ha fatta di strada, divenendo un maestro formidabile per tante star: Terence Blanchard, Donald Harrison, Nicholas Payton, Kent e Marlon Jordan, Harry Connick Jr, con il quale, insieme al figlio Brandford, incise l’album “Duke in Blue”, nel 1999, omaggio ad Ellington. Comprese, ben presto, che il dixieland aveva fatto il suo tempo per poi abbracciare una concezione del jazz più moderno, suonando con i più famosi jazzisti modern, tra cui Cannonball Adderley, Nat Adderley negli anni Sessanta e poi con Al Hirt. All’attivo venti dischi e collaborazioni in dischi di noti musicisti, da David Newman a Eddie Harris, da Marcus Roberts a Courtney Pine. Ha collaborato con il New Orleans Centre for Creative Arts, l’Università di New Orleans e la Xavier University della Louisiana. E la sua città gli ha intitolato l’ “Ellis Marsalis Centre for Music”, nel 2007. Nel 2008 entra di diritto a far parte delle stelle della “Louisiana Music Hall of Fame”.

Rimangono nella storia il suo pianismo e, soprattutto, la sua didattica, fatta di ottima tecnica e di sperimentazione, per offrire agli allievi gli strumenti per estrinsecare la propria vena creativa. Una grande scuola.

 

 

 

Share