Signora menzogna

Una scena

Una scena

Sceglie Carlo Goldoni, l’innovatore del teatro italiano, Antonio Latella per la nuova messinscena. E sceglie Il servitore di due padroni, nella drammaturgia di Ken Ponzio, dove la menzogna è protagonista assoluta, incarnata dai celebri personaggi che animano la commedia. Scrive Latella: “Dietro la figura di Arlecchino (Truffaldino) la commedia si nasconde a se stessa, mente. Dietro agli inganni, ai salti, alle capriole del servitore più famoso del mondo la commedia mente agli spettatori: il personaggio che tanto li fa ridere è insieme tutte le menzogne e i colori degli altri personaggi. È uno specchietto per le allodole e sposta il punto di ascolto dell’intera commedia. Non c’è una figura onesta, tutto è falso, è baratto, commercializzazione di anime e sentimenti. Se togliamo i salti, gli ornamenti, la recitazione meccanica fatta di suono ma mai di testo e sottotesto, se togliamo le maschere, cosa resta? Il vuoto, forse l’orrore della nostra contemporaneità. L´orrore dell’uomo che davanti al peso del denaro perde peso, diventa anoressico: non è corpo in un costume che tutto permette ma scheletro in un corpo che tutto limita”. E Ken Ponzio aggiunge: “E allora assistiamo alla lenta distruzione di un mondo costruito sulla menzogna; vengono disciolte le maschere, scarnificati i personaggi, cremate le loro ossa, per giungere all’origine di tutto. Ma come la Fenice, essi rinascono per rendere omaggio a Goldoni”.

In scena al teatro Bellini di Napoli dal 18 febbraio, con Giovanni Franzoni, Elisabetta Valgoi, Annibale Pavone, Rosario Tedesco, Federica Fracassi, Marco Cacciola, Massimiliano Speziani, Lucia Peraza Rios, Roberto Latini.

Share